Ginevra: dopo due anni, lunedì riapre la strada per Losanna

Ginevra: dopo due anni, lunedì riapre la strada per Losanna
Ginevra: dopo due anni, lunedì riapre la strada per Losanna
-

Dopo due anni di lavori, lunedì riapre la strada di Losanna

Questo asse principale era finora a senso unico lungo il villaggio della riva destra. Il suo nuovo restyling mira a promuovere la mobilità dolce e a ridurre i conflitti di mobilità.

Pubblicato oggi alle 14:21

Iscriviti ora e goditi la funzione di riproduzione audio.

BotTalk

È la fine di una lunga attesa per gli abitanti di Genthod e Bellevue. Dopo due anni di interruzione, i lavori sulla Route de Lausanne tra la rotatoria Route de Collex e Chemin des Mollies sono finalmente terminati. Da lunedì 8 luglio alle ore 5 la strada sarà nuovamente percorribile in entrambi i sensi di marcia. Finora vi potevano circolare soltanto i veicoli diretti a Losanna.

Il progetto di riqualificazione di questa strada è iniziato nel gennaio 2022. L’obiettivo principale era pacificare l’attraversamento del villaggio di Bellevue. È stata costruita una banchina centrale che ospita una cinquantina di alberi. Venne installato anche un rivestimento fonoassorbente e la velocità fu limitata a 30 km/h. Il costo di questi sviluppi ammonta a 11,2 milioni di franchi.

Parcheggi rimossi

L’accento è stato posto anche sulla mobilità attiva. “La riqualificazione dell’asse ha permesso di eliminare il conflitto tra il parcheggio dei veicoli e quello delle biciclette impedendo ormai l’apertura delle porte dei veicoli sulla pista ciclabile”, spiega Marc-André Siegrist, portavoce del Dipartimento dei trasporti, della salute e della mobilità (DSM). Gli automobilisti non hanno più bisogno di attraversare la pista ciclabile per entrare e uscire dal proprio veicolo”. Sono stati allargati anche i marciapiedi (tra i 2 e i 4 metri).

Questi sviluppi non sono senza conseguenze per i parcheggi. Sono stati rimossi 54 posti auto. Saranno però compensati dalla riqualificazione del parcheggio comunale realizzata dal Comune di Bellevue. “È stato realizzato un parcheggio per disabili, mentre prima dei lavori non esisteva. Sono stati creati quasi 20 spazi aggiuntivi per le due ruote», precisa il portavoce della DSM.

Bacini di ritenzione

Il cantiere richiedeva accordi particolari. Dato il numero di camion che circolano su questa tratta, sono stati scavati ampi bacini di contenimento per evitare fuoriuscite di liquidi in caso di incidente. È la prima volta che il Cantone realizza un simile sviluppo.

Se durante i lavori un camion che trasportava benzina o oli minerali si fosse ribaltato, i liquidi sarebbero finiti in queste vasche. «Quando arrivano i soccorsi, chiudono le valvole dei serbatoi, impedendo che il liquido si riversi nel lago», spiega Marc-André Siegrist. Una volta che la situazione è sotto controllo, la sostanza viene pompata fuori e poi trattata in modo sicuro”.

Tutto questo lavoro non è stato senza conseguenze per i residenti locali. L’accesso ai negozi è stato mantenuto, ma le auto e i TPG sono stati soggetti a deviazioni. Lo Stato ha risarcito cinque imprese della zona, per un importo complessivo di 298.291 franchi.

La riapertura di questo tratto segna la fine di un lungo processo di riparazione dell’intera strada di Losanna. Prima di Bellevue, fu la città di Versoix ad essere sottoposta a quattro anni di lavori. Ora si tratta di un percorso più sicuro, soprattutto agli attraversamenti pedonali, a disposizione dei ginevrini. “L’obiettivo era anche quello di promuovere la convivialità nelle località attraversate e di migliorare l’accessibilità per la mobilità dolce”, precisa il portavoce.

Da parte dell’esecutivo del Bellevue, accogliamo con favore “l’eccellente collaborazione tra lo Stato di Ginevra e il servizio tecnico municipale su questo grande progetto”. Per la consigliera amministrativa Mylène Schopfer Sandoz, la riapertura della strada renderà più fluida la circolazione motorizzata in tutto il territorio di Belleviste. Pierre Maudet, da parte sua, ritiene che questi sviluppi dimostrino “che è possibile far coesistere diverse modalità di viaggio rafforzando al tempo stesso la sicurezza degli utenti e la qualità della vita dei residenti”.

Notiziario

“Ultime notizie”

Vuoi restare aggiornato sulle novità? La “Tribune de Genève” vi propone due incontri al giorno, direttamente nella vostra casella di posta elettronica. Per non perderti nulla di ciò che accade nel tuo cantone, in Svizzera o nel mondo.

Altre newsletter

Per accedere

Emilien Ghidoni è giornalista presso la Tribune de Genève dall’agosto 2022. Si occupa in particolare delle questioni della mobilità e del comune di Vernier. Ha conseguito un Master in giornalismo e una laurea in Relazioni internazionali.Più informazioni @emilien_ghidoni

Hai trovato un errore? Segnalacelo.

1 Commento

-

PREV ecco cosa devi assolutamente fare entro questo martedì sera se aspetti il ​​rimborso
NEXT quando le aziende cercano di limitare i risarcimenti per i viaggiatori