HDFC Bank crolla mentre la principale banca privata indiana registra una debole crescita dei prestiti e dei depositi nel primo trimestre.

HDFC Bank crolla mentre la principale banca privata indiana registra una debole crescita dei prestiti e dei depositi nel primo trimestre.
HDFC Bank crolla mentre la principale banca privata indiana registra una debole crescita dei prestiti e dei depositi nel primo trimestre.
-

Le azioni della principale banca privata indiana, HDFC Bank, sono scese di oltre il 3% venerdì, un giorno dopo aver segnalato un calo dei prestiti nei tre mesi terminati il ​​30 giugno e una mancanza di aumento dei depositi rispetto ai tre mesi precedenti.

Giovedì la HDFC Bank ha dichiarato che i suoi anticipi lordi sono diminuiti dello 0,8% su base sequenziale durante il primo trimestre.

Gli analisti di Jefferies hanno affermato in una nota che la crescita piatta dei depositi è stata inferiore a quella ottenuta dalla banca un anno fa, definendola “leggermente deludente”.

Le azioni della HDFC Bank – in calo del 2,4% quest’anno rispetto ai guadagni di oltre l’11% del benchmark Nifty 50 – erano sulla buona strada per il loro più grande calo in un giorno dal 4 giugno. Il titolo ha raggiunto un livello record all’inizio di questa settimana nella speranza di una maggiore ponderazione in un indice chiave MSCI.

Venerdì HDFC Bank è stata anche la principale perdente nell’indice Nifty 50.

La fusione della banca con la sua società madre finanziatrice non bancaria lo scorso anno ha aggiunto un gran numero di mutui al suo portafoglio, ma una quantità molto minore di depositi.

Alla fine di giugno, gli anticipi della banca ammontavano a 24,87 trilioni di rupie (297,91 miliardi di dollari), mentre i depositi ammontavano a 23,79 trilioni di rupie.

I depositi in conti correnti e di risparmio a basso costo sono scesi sequenzialmente del 5% a Rs 8,64 trilioni durante il trimestre.

($1 = 83,4810 rupie indiane)

-

PREV Trasporti. Il numero di passeggeri aerei in tutto il mondo potrebbe raddoppiare entro il 2043
NEXT “Volere risolvere l’overtourism eliminando le crociere è un’idea falsa”, afferma Marie-Caroline Laurent – rts.ch