L’intelligenza artificiale ha fatto risparmiare tempo a 8 dipendenti su 10

L’intelligenza artificiale ha fatto risparmiare tempo a 8 dipendenti su 10
L’intelligenza artificiale ha fatto risparmiare tempo a 8 dipendenti su 10
-

Adozione dell’intelligenza artificiale: l’emisfero sud in prima linea

L’intelligenza artificiale generativa consente di portare a termine le attività lavorative più velocemente: con questa affermazione concorda l’84% dei dipendenti che la utilizzano. E l’81% di loro ritiene che grazie a questo strumento avrà più tempo per attività più strategiche. E molti credono addirittura che questo strumento consenta loro di produrre un lavoro più qualitativo. A rivelarlo è la società Boston Consulting Group nel suo ultimo studio sull’argomento, intitolato « L’intelligenza artificiale al lavoro: amica e nemica ».

È interessante notare che è nell’emisfero meridionale che l’intelligenza artificiale sta vedendo una maggiore adozione e utilizzo. Ad esempio, il 37% dei dipendenti che vivono nell’emisfero settentrionale ritiene che l’intelligenza artificiale generativa abbia consentito loro di produrre un lavoro più qualitativo, rispetto al 25% dei dipendenti dell’emisfero settentrionale. Per quanto riguarda il fatto di poter fare di più in una giornata, il 46% degli abitanti dell’emisfero sud afferma che per loro è così, contro il 39% degli abitanti dell’emisfero nord. I meridionali sono anche più propensi ad affermare che l’intelligenza artificiale consente loro di svolgere più compiti (46%, rispetto al 39% del Nord) e nuovi compiti (44%, rispetto al 37%).

Intelligenza artificiale: più la usiamo, più pensiamo che distruggerà posti di lavoro

Nel complesso, il 79% dei dipendenti (rispetto al 75% nel 2023) ritiene che l’intelligenza artificiale generativa trasformerà profondamente il loro lavoro e il 42% (rispetto al 36% nel 2023) pensa che il loro lavoro potrebbe non esistere affatto entro il prossimo decennio . Gli utenti abituali dell’intelligenza artificiale (49%) più dei non utenti (24%) ritengono che il loro lavoro abbia i giorni contati.

Nell’ambito di questo studio, il Boston Consulting Group ha anche interrogato i manager su quello che pensano sia oggi un problema con l’intelligenza artificiale. La scarsa familiarità con l’intelligenza artificiale tra i lavoratori non tecnologici viene identificata come il problema principale, seguita dai dubbi su come utilizzarla e, infine, dal costo dell’adozione di strumenti di intelligenza artificiale.

-

PREV Proximus riserva il suo segnale Wi-Fi più veloce per un numero molto limitato di clienti
NEXT quando le aziende cercano di limitare i risarcimenti per i viaggiatori