Leonardo collabora con Rheinmetall per offrire all’esercito italiano un carro armato da battaglia e il veicolo blindato Lynx

Leonardo collabora con Rheinmetall per offrire all’esercito italiano un carro armato da battaglia e il veicolo blindato Lynx
Leonardo collabora con Rheinmetall per offrire all’esercito italiano un carro armato da battaglia e il veicolo blindato Lynx
-

A dicembre KNDS e l’italiana Leonardo hanno firmato una lettera di intenti con l’obiettivo di “creare un vero gruppo di difesa europeo”, stabilendo una stretta partnership nel settore dell’elettronica per la difesa terrestre. E si sosteneva che questo riavvicinamento avrebbe consentito “l’attuazione di programmi di cooperazione tra le nazioni europee”, come i progetti franco-tedeschi del Main Land Combat System. [MGCS, Main Ground Combat System] e l’AICS [Armored Infantry Combat System] transalpino.

Inoltre, la filiale tedesca di KNDS [ex-Krauss-Maffei Wegmann] e Leonardo apriranno il confronto anche sulla “attuazione congiunta del programma [italien] acquisizione di carri armati da combattimento”, Roma intende procurarsi almeno 132 Leopard 2A8 e altri 140 mezzi “derivati” [génie, dépannage, etc.].

Tuttavia, non riuscendo a trovare un compromesso sulla questione delle compensazioni industriali, le trattative si sono bruscamente interrotte nel mese di giugno. “Le parti non sono riuscite a trovare un accordo sulla configurazione e di conseguenza sono fallite anche le discussioni sulla partecipazione strategica di Leonardo”, ha lamentato Frank Haun, amministratore delegato di KNDS.

Detto questo, poco prima dell’annuncio di questa rottura, Leonardo aveva parlato con l’altro peso massimo tedesco degli armamenti terrestri, ovvero la Rheinmetall. Ovviamente il gruppo di Düsseldorf ha ascoltato con maggiore attenzione le richieste dell’industriale italiano…

Il 3 luglio, infatti, Rheinmetall e Leonardo hanno annunciato l’intenzione di creare una joint venture paritetica che, con sede in Italia, avrà il compito di contribuire allo sviluppo di un “nuovo carro armato da combattimento” nonché a quello di un “nuovo Lynx piattaforma per il programma AICS” dell’Esercito Italiano.

Il Lynx è un veicolo da combattimento cingolato di fanteria progettato da Rheinmetall. È disponibile in due versioni principali: la KF-31 [38 tonnes] e il KF-41 [44 tonnes au combat]. Dotato di un cannone da 30 o 35 mm montato su una torretta Lance 2.0, di una mitragliatrice leggera coassiale da 7,62 mm e, opzionalmente, di missili anticarro Spike, può trasformare fino a 11 fanti, compreso l’equipaggio.

Per quanto riguarda il carro armato menzionato nel comunicato stampa, si tratta del KF-51 Panther che, equipaggiato con un cannone da 130 mm L/51, è stato presentato da Rheinmetall durante l’edizione 2022 di EuroSatory, la fiera delle armi aria-terra. Il suo sviluppo è oggetto di una partnership con il governo ungherese, che ne finanzia lo sviluppo con 288 milioni di euro.

Per il momento non vi è alcuna indicazione che il Ministero della Difesa italiano intenda abbandonare il suo piano di acquisizione dei Leopard 2A8. Ma forse sarà davvero così, viste le concessioni ottenute da Leonardo da Rheinmetall.

In ogni caso, l’obiettivo dei due produttori è “stabilire standard e aprire la strada a una nuova generazione di veicoli da combattimento avanzati in Europa e per l’Europa”. E, come ha spiegato Armin Papperger, amministratore delegato di Rheinmetall, non si tratta solo di rivolgersi al mercato italiano ma anche “ad altri Paesi partner che hanno bisogno di modernizzare i propri sistemi di combattimento”.

“Le sinergie tecnologiche e industriali tra Leonardo e Rheinmetall rappresentano un’opportunità unica per sviluppare carri armati e veicoli di fanteria all’avanguardia. Consideriamo questo accordo un contributo fondamentale alla creazione di uno spazio europeo di difesa”, ha affermato Roberto Cingolani, amministratore delegato del gruppo italiano.

Leonardo però non perde di vista la MGCS, alla quale partecipa Rheinmetall.

“Come parte dei programmi MBT [char de combat, ndlr] e AICS, sistemi di missione, suite elettroniche e integrazione di armi saranno sviluppati e prodotti da Leonardo, secondo le esigenze del cliente italiano. Queste tecnologie serviranno anche come base per lo sviluppo del futuro carro armato europeo. [MGCS] », hanno infatti indicato i due produttori nel loro comunicato stampa congiunto.

Ricordiamo che durante EuroSatory 2024, KNDS France, KNDS Deutschland, Rheinmetall Landsysteme e Thales hanno firmato una lettera di intenti volta a creare una “società di progetto” per lo sviluppo dell’MGCS. Che posto potrà occupare Leonardo in futuro in questa squadra?

-

PREV Wall Street chiude senza direzione, altro record per Nasdaq e S&P 500
NEXT Auto elettriche cinesi: ora attaccano i più prestigiosi produttori europei