Il Perù raddoppia la capacità del suo porto principale grazie agli investimenti degli Emirati

-

Il Perù raddoppia la capacità del suo porto principale grazie agli investimenti degli Emirati

Il porto di Callao, vicino a Lima, il principale per trasporto merci del Perù, quasi raddoppierà la sua capacità con l’entrata in funzione di una nuova banchina, inaugurata giovedì 20 giugno, grazie a un investimento di 400 milioni di dollari da parte della società emiratina DP Mondo.

>> Perù: l’industria della pesca nel tumulto del riscaldamento degli oceani

>> Il Perù considera la chiusura temporanea di Machu Picchu

>> Il Perù crea una Riserva Naturale Marina al confine con l’Ecuador

Veduta aerea del terminal portuale di Callao a Lima il 20 giugno.
Foto: AFP/VNA/CVN

“Questo terminal avrà la maggiore capacità sulla costa occidentale del Pacifico meridionale”, ha dato il benvenuto a Carlos Merino, direttore generale di DP World per Perù ed Ecuador.

La nuova banchina, costruita in due anni, potrà ospitare contemporaneamente due navi lunghe 400 metri e avrà una capacità di 21.000 TEU (20 piedi equivalenti, la misura di riferimento per il settore).

L’ampliamento del molo sud del porto aumenterà la capacità annua dell’infrastruttura a tre milioni di TEU. Nel 2023 ha movimentato 1,6 milioni di TEU, secondo Merino.

L’impianto è stato inaugurato dalla presidente peruviana Dina Boluarte e dal sultano Ahmed Bin Sulayem, capo della società DP World.

“Questo lavoro dimostra che il Perù è un paese affidabile per gli investimenti esteri”, ha sottolineato il presidente durante la cerimonia.

“Questo investimento creerà opportunità per nuove rotte commerciali. Vogliamo collegare tutti i mercati del mondo in modo più rapido e intelligente”da parte sua ha indicato il signor Sulayem.

Il terminal utilizzerà gru e camion elettrici per ridurre le emissioni di CO22secondo la società concessionaria.

DP World è una filiale della holding pubblica Dubai World. Opera porti in Canada, Repubblica Dominicana, Ecuador, Brasile, Argentina e Cile.

Il Perù prevede di aprire a novembre a Chancay, 80 km a nord di Lima, un gigantesco terminal portuale di 141 ettari costruito dalla società cinese Cosco Shipping. Quest’ultimo prevede un investimento complessivo di 3,5 miliardi di dollari.

“Con questi nuovi investimenti, il Perù diventa un riferimento in termini di infrastrutture portuali a livello regionale”, ha sottolineato il Sig. Merino riferendosi allo sviluppo dei porti di Callao e Chancay.

AFP/VNA/CVN

-

PREV Lex Delles: “Manteniamo le nostre ambizioni climatiche”
NEXT Risultati promettenti per il suo potenziale trattamento anti-obesità spingono Roche sul mercato azionario