Sanofi condivide la produzione con Biovac in Africa

Sanofi condivide la produzione con Biovac in Africa
Sanofi condivide la produzione con Biovac in Africa
-

Il gruppo francese Sanofi ha annunciato giovedì di aver stretto una partnership con il laboratorio sudafricano Biovac per rafforzare le capacità di produzione di vaccini antipolio in Africa, in occasione del Global Forum for Vaccine Innovation and Production

Questo accordo mira a “soddisfare le potenziali esigenze di oltre 40 paesi africani” e “rende Biovac il principale produttore africano di vaccini antipolio inattivati ​​sul suolo africano”, secondo un comunicato stampa dell’azienda farmaceutica francese.

Biovac deterrà quindi l’autorizzazione all’immissione in commercio

La partnership prevede che Sanofi continui a produrre il vaccino in forma sfusa, cioè in quantità molto grandi, e che Biovac si occupi delle fasi finali della sua formulazione, confezionamento e distribuzione nei Paesi africani membri della Vaccine Alliance (Gavi). .

Biovac deterrà quindi l’autorizzazione all’immissione in commercio e parteciperà alle gare d’appalto dell’UNICEF.

La poliomielite è una malattia altamente contagiosa che colpisce soprattutto i bambini di età inferiore ai cinque anni.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, un’infezione su 200 provoca una paralisi irreversibile.

La presenza di Sanofi in Africa

Sanofi ricorda di aver fornito più di 1,5 miliardi di dosi di vaccini antipolio, attraverso la Vaccine Alliance, il cui obiettivo è vaccinare la popolazione nei paesi più poveri.

Sanofi ha una forte presenza in Africa, con filiali in Marocco, Algeria, Tunisia, Egitto, Costa d’Avorio e Sud Africa.

Negli ultimi 30 anni, nell’ambito della Global Polio Eradication Initiative, 2,5 miliardi di bambini sono stati vaccinati contro la polio, con una conseguente riduzione del 99% dei casi nel mondo.

Alla fine del 2023 la malattia era ancora presente in Afghanistan e Pakistan.

Con l’AFP

Di ScrivereComitato di redazione

-

PREV I “sommozzatori di Chernobyl”, questi anonimi eroi che evitarono il peggio nel 1986
NEXT quando le aziende cercano di limitare i risarcimenti per i viaggiatori