Il Malawi cerca 230 MW di elettricità per alimentare il suo settore minerario

Il Malawi cerca 230 MW di elettricità per alimentare il suo settore minerario
Il Malawi cerca 230 MW di elettricità per alimentare il suo settore minerario
-

(Agenzia Ecofin) – Il settore minerario del Malawi rappresenta circa l’1% del Pil, ma il Paese dispone di un potenziale minerario in grado di incrementare questo contributo economico. Sono in fase di sviluppo diversi progetti, in particolare nel campo della grafite, delle terre rare e dell’uranio, ma la fornitura di energia elettrica rimane una sfida.

In Malawi il settore minerario avrebbe un deficit energetico di 230 MW, pari al 40% dell’attuale capacità produttiva del Paese. Almeno questo è ciò che ha dichiarato la dottoressa Janet Banda, alta funzionaria della presidenza della repubblica, durante un incontro nella capitale Lilongwe martedì 28 maggio.

Ciò significa che il Malawi deve prepararsi a fornire l’elettricità necessaria per l’attività mineraria. Pertanto non sottolineeremo mai abbastanza il ruolo chiave che l’elettricità svolgerà nello sbloccare l’industria mineraria.“, ha detto Banda, citato daNyasa Times.

Il settore minerario del Malawi è sottosviluppato e contribuisce solo per l’1% al PIL, nonostante il suo potenziale significativo, in particolare per i metalli strategici. Tra gli altri, il Malawi sviluppa da diversi anni il progetto Kasiya sulla grafite e rutilo, capace di generare 16 miliardi di dollari in 25 anni, e il progetto sulle terre rare Kangankunde. Guidati rispettivamente da Sovereign Metals e Lindian Resources, questi progetti potranno presto posizionare il Paese come fornitore di minerali essenziali per la transizione energetica.

Per sostenere questi vari progetti, il governo vuole rilasciare il “colli di bottiglia» che gravano sul settore minerario. A questo scopo è previsto un incontro denominato Mining Delivery Lab nel giugno 2024.

Leggi anche:

23/02/2024 – Malawi: Lotus Resources vuole raccogliere 19,7 milioni di dollari per riavviare la produzione di uranio a Kayelekera

-

NEXT Bandi da non perdere a giugno 2024