Questa colorazione a basso costo è la migliore per 60 milioni di consumatori

-

60 milioni di consumatori hanno rivelato quale fosse il miglior colore di capelli disponibile a meno di 7 euro!

Sono passati ormai diversi anni da allora L’inflazione sta danneggiando il bilancio francese. Questo è anche il motivo per cui hanno bloccato alcune spese. Molti ora decidono di fare la propria colorazione invece di andare dal parrucchiere.

Una differenza di prezzo

Fare la tinta dal parrucchiere richiede un certo budget. E per una buona ragione, deve essere rifatto regolarmente. Non tutti hanno la possibilità di pagare queste tasse ogni mese.

Questo è il motivo per cui molte persone scelgono di colorare a casa. Soprattutto perché costa quasi tre volte meno. D’altro canto, è importante sceglierlo con attenzione.

Non dovresti sospettare di nessun prodotto. Soprattutto perché alcuni possono essere molto dannosi per la salute. Fortunatamente, 60 milioni di consumatori hanno aiutato i francesi a vedere più chiaramente l’argomento.

L’associazione ha dichiarato in particolare: “Sappiate solo che un colorista ha un obbligo di mezzi e di sicurezza, ma non di risultato. E il prezzo rischia di essere una barriera”.

La rivista ha chiarito: “Fare la tinta dal parrucchiere costa (almeno) tre volte più costoso della colorazione fatta in casa. Potrebbe quindi essere utile capire l’offerta di coloranti fatti in casa ».

Il miglior colore rivelato

Per valutare il prodotto migliore, 60 milioni di consumatori hanno deciso di testare 12 tinture castane per capelli bianchi, con o senza ammoniaca, di cui 4 etichettate bio.

La rivista ha testato l’efficacia del prodotto su ciocche da 20 cm, 4 g, composte al 90% da capelli bianchi caucasici. Per eseguire questo test, gli esperti hanno chiamato i parrucchieri.

60 milioni di consumatori hanno rivelato: “Tre parrucchieri hanno valutato la copertura, la lucentezza e l’aspetto secco, ruvido o fragile dei capelli dopo la tintura. Le differenze di colore sono state misurate prima della colorazione, dopo la colorazione e dopo nove e diciotto lavaggi..

Gli esperti hanno preso in considerazione anche i componenti utilizzati nei prodotti. E questo, come le nitrosammine, i m-amminofenoli e la formaldeide. La rivista ha poi svelato le colorazioni migliori.

In testa alla classifica è il caso di Eugène Color, Les Essentielles N°4 Chatain. Questo famoso prodotto è disponibile ad un prezzo molto conveniente. In effetti, non dovrai spendere più di 6,90 euro per questo articolo.

Altri due coloranti interessanti

60 milioni di consumatori hanno elogiato il marchio per diversi motivi. Questa la colorazione offre tenacia colore, brillantezza, coprenza ma anche la qualità complessiva della tinta. Ma non è tutto.

La rivista spiegava inoltre che la tossicità di questo oggetto era accettabile per un’esposizione di 30 minuti. E per rivelare: “Troviamo colorazioni che funzionano con uno sviluppatore di colore, di tipo ‘ossidante’, proposte da marchi storici (Eugène Color, Garnier, L’Oréal, Revlon, Schwarzkopf, ecc.)”.

«Ma con gamme diversificate che comprendano prodotti più “naturali”. E, d’altro canto, molti coloranti vegetali talvolta etichettati come biologici (Aroma-Zone, Cattier, Korres, ecc.)”ha rivelato 60 milioni di consumatori.

Prima di specificare: ” IL i coloranti vegetali depositano il pigmento sulla superficie dei capelli mentre le colorazioni ossidative lo fanno in profondità, coinvolgendo molta più chimica.

60 Milioni di consumatori hanno evidenziato anche l’evoluzione della formulazione nei coloranti vegetali. L’associazione ha inoltre sottolineato: “Khadi ha una buona copertura”. D’altro canto il colore non dura dopo diversi lavaggi.

E indicare: “Anche Aroma-Zone offre un bellissimo risultato, ma il suo tempo di pausa (180 minuti!) lo penalizza”.

avatar

Vittoria Bernardo

Diplomata in un’importante scuola di giornalismo e ho anche il diploma di preparazione di aperitivi. Adoro scrivere e soprattutto per Tuxboard, il team è davvero fantastico e gli argomenti sono molto vari anche se preferisco scrivere di media e anche di tendenze della moda!

-

PREV Cinque tendenze principali per la seconda metà del 2024
NEXT Bandi da non perdere a giugno 2024