come evitare l’intasamento?

come evitare l’intasamento?
come evitare l’intasamento?
-

Il filtro antiparticolato, noto anche come DPF, svolge un ruolo cruciale nella riduzione delle emissioni di particelle dannose provenienti dai veicoli. Tuttavia, con il passare del tempo, questo componente può ostruirsi, causando diversi problemi.

IL Filtro antiparticolato (FAP) è fondamentale ridurre emissioni di particelle nocive provenienti dai veicoli. Tuttavia, col tempo può sporcarsiin particolare quando spostamenti urbani frequente quando il motore rimane a regime basso. Per evitare questo intasamento si consiglia di effettuare regolari viaggi in autostrada permettendo al FAP di rigenerarsi bruciando le particelle accumulate.
Anche una corretta manutenzione del veicolo, compreso il rispetto degli intervalli di cambio dell’olio e l’uso di additivi detergenti, aiuta a mantenere l’efficacia del DPF.

FAP: capire come funziona

Il filtro antiparticolato, chiamato anche FAP, è un componente essenziale. È stato progettato, come suggerisce il nome, per filtrare le particelle e quindi ridurre le emissioni di particelle nocive. Tuttavia, nel corso degli anni e dei chilometri, è probabile che questo dispositivo si intasi. Molti di voi si stanno ponendo questa domanda: come evitare gli intasamenti? Questa è la domanda a cui cercheremo di rispondere in questo articolo.
Prima di entrare nel vivo della questione bisogna innanzitutto capire come funziona il FAP. Senza entrare in dettagli troppo complessi, dovresti sapere che il FAP cattura e immagazzina le particelle di fuliggine generate dalla combustione.
Quando questo dispositivo è saturo, inizia un processo di rigenerazione che gli permette di bruciare queste particelle e rigenerarsi per mantenere la sua efficacia. È quindi del tutto normale che un filtro antiparticolato si saturi dopo un certo periodo di utilizzo. La cosa più importante in questo schema è creare le condizioni necessarie affinché possa rigenerarsi.
Ed è qui che interviene il conducente, perché ci sono comportamenti che favoriscono l’intasamento (impossibilità per il DPF di rigenerarsi) e altri che lo impediscono.

Come evitare l’intasamento?

Se sei stato vittima di un difetto del DPF, il tuo meccanico ti avrà sicuramente detto che uno dei principali fattori che determinano l’intasamento del DPF è guidando dentro città. Nelle aree urbane, il veicolo spesso va sotto giri e la temperatura dei componenti meccanici non è sufficientemente elevata per consentire la rigenerazione del filtro. Pertanto, per evitare intasamenti, si consiglia vivamente di effettuare alcuni viaggi in autostrada in modo che il motore del veicolo sia fuori giri, cioè superiore a 3000 giri/min. Questo stato deve durare abbastanza a lungo, circa 20 minuti (o più), per consentire al FAP di riscaldarsi e bruciare le particelle in modo da ritrovare tutta la sua freschezza.
Evitate quindi di fare solo brevi spostamenti in città, perché prima o poi il vostro veicolo mostrerà sul cruscotto un guasto DPF, cosa che probabilmente non vi farà piacere quando conoscerete l’importo della bolletta da pagare per la sostituzione.
Più in generale, assicurati di mantenere bene il tuo veicolo rispettando gli intervalli di cambio dell’olio e cambiando i filtri. Per approfondire la manutenzione, è possibile utilizzare anche gli additivi detergenti DPF disponibili in commercio.
Questi prodotti aiutano a ridurre l’accumulo di fuliggine e facilitano la rigenerazione di questo dispositivo.

-

PREV L’agenzia S&P abbassa il rating sovrano della Francia
NEXT Bandi da non perdere a giugno 2024