Vicino a Vendôme, il Marmite Express ha lasciato il buffet della stazione TGV

Vicino a Vendôme, il Marmite Express ha lasciato il buffet della stazione TGV
Vicino a Vendôme, il Marmite Express ha lasciato il buffet della stazione TGV
-

Naveil ha appena vinto il suo primo bar brasserie e Villiers-sur-Loir ha appena perso il suo ultimo ristorante. Cambio di indirizzo per Mickaël e Imane Collet che, dopo quattordici anni al bancone del buffet della stazione TGV che hanno chiuso la sera del 3 maggio, giovedì 23 maggio 2024 hanno inaugurato la nuova sede di Marmite Express.

“Abbiamo appena cambiato indirizzo ma non è cambiato nulla nella nostra attività”

È proprio all’ingresso di Naveil, rue de Montrieux provenendo da Vendôme, che un’ex sala da biliardo del Le Liverpool, chiusa da tre anni, è stata trasformata in un ristorante con le attrezzature necessarie per la brasserie con la creazione di una cucina. Se i locali appartengono a un privato, la licenza IV è stata acquistata dal comune dopo la liquidazione di Liverpool.

“Non volevamo vedere sparire questa patente IV e oggi siamo felici di poterla noleggiare”confida Magali Marty-Royer, sindaco, interrogata sull’argomento.

50 posti all’interno e una terrazza da 20 posti

I clienti al buffet della stazione ritrovano gli stessi due dipendenti attorno alla coppia e si muovono in un ambiente quasi identico ma più spazioso di 260 m2oltre a terrazzo di 20 mq2 per una cinquantina di posti al coperto e una ventina all’aperto. La struttura, dotata di tre ingressi, è adatta a persone con mobilità ridotta.

“Manteniamo un’atmosfera amichevole che ha costruito la nostra reputazionesottolineano Imane e Mickaël Collet. Inoltre giovedì in occasione dell’inaugurazione abbiamo avuto già 55 coperti e questo venerdì quasi 80 in due servizi. Abbiamo trovato molti clienti abituali che ci aspettavano con impazienza. »

Una nuova sfida per la coppia di imprenditori che, insieme al figlio Fares, studente di 21 anni, accetta questa sfida in un settore che conosce bene dopo aver gestito bar nella Sarthe per sette anni. Mickaël ha lavorato in Canada ma anche a Parigi come cameriere e maître in locali rinomati e lei come modella per marchi di lingerie.

Il buffet a sinistra dell’ingresso della stazione TGV di Villiers è parte integrante del servizio offerto dalla SNCF ai suoi clienti.
© (Archivio fotografico NR)

“Siamo fiduciosi soprattutto perché il fatturato nella stazione TGV aperta dalle 6:20 alle 20:00 è diminuito notevolmente, soprattutto dopo lo sviluppo del telelavoro e l’aumento degli abbonamenti, che hanno portato gli utenti a ridurre il budget per il caffè. Qui avremo traffico per il bar e clienti per la brasserie. Nel menu sempre grigliate, pesce, hamburger che hanno fatto emergere la nostra reputazione dai siti specializzati sui social network. Pensiamo di organizzare serate e in futuro di utilizzare il retro dell’edificio per allestire una taverna sulle rive del Loir. E in una parte del bar presto avremo un tavolo da biliardo, freccette, flipper, calcio balilla e schermi. »

E Mickaël aggiunge. «Inquilino ma proprietario dell’attività, qui sono libero di fare quello che voglio, a differenza della stazione del TGV dove pagavo l’affitto con una concessione di sette anni rinnovata una volta dietro presentazione di una pratica. Questa volta non abbiamo raggiunto un accordo con la SNCF, il che mi ha portato a pensare di andarmene. Spero per gli utenti del TGV che i servizi di gestione della SNCF riescano a trovare un serio successore…”

-

PREV Edmond de Rothschild aprirà un ufficio in Arabia Saudita e lancerà una piattaforma di debito
NEXT Ritardo nella produzione dell’A220 | Straordinari obbligatori presso Airbus a Mirabel