Azioni collettive nel settore automobilistico | Il coupon da $ 75 verrà contestato

-

La credibilità delle azioni collettive in materia di consumo è già fragile. E non è il credito di 75 dollari che dovrebbe essere concesso ai 500.000 quebecchesi costretti a pagare le tasse per l’acquisto del loro veicolo a migliorare le cose. Inoltre, ho appreso che questo accordo negoziato amichevolmente sarà contestato. L’Ufficio per la tutela dei consumatori potrebbe anche comparire in tribunale, cosa che non ha mai fatto.


Inserito alle 1:31

Aggiornato alle 6:30

La legge è chiara: i commercianti del Quebec non possono imporre un prezzo superiore a quello annunciato. È quindi vietato ad essi aggiungere in fattura addebiti obbligatori per questa o quella o altra cosa.

Tuttavia, nel corso degli anni, i concessionari di automobili hanno dimostrato una creatività impressionante nell’imporre tutti i tipi di commissioni ai propri clienti. Per la preparazione, la documentazione, il pagamento in contanti, l’amministrazione e persino uno starter kit.

Il costo medio variava tra i 300 e i 600 dollari, ma poteva raggiungere i 1.695 dollari, come dimostrano le accuse contro Grenier Chevrolet Buick GMC, a Terrebonne. La società si è dichiarata colpevole pochi giorni fa e ha pagato una multa di 12.000 dollari.

>>>>

Questa moltitudine di tasse fasulle ha portato alla presentazione di quattro richieste di azioni collettive rivolte a 220 concessionari e concessionari di veicoli usati. A marzo è stato raggiunto un accordo amichevole con 150 di questi rivenditori: i loro clienti riceveranno un credito di 75 dollari, se il tribunale approverà questo “compensazione del coupon”.

Un tasso di utilizzo del 100%, che non avverrà mai, costerebbe loro circa 35 milioni. Inizialmente l’affare era valutato 500 milioni⁠1.

È meglio di niente, dicono tutti coloro che non si prenderebbero mai il tempo di avanzare piccole pretese per recuperare i propri debiti. Ma due organizzazioni per la difesa dei consumatori vedono le cose in modo diverso.

L’Associazione per la protezione degli automobilisti (APA) ritiene che questo buono da 75 dollari “sembra una campagna fedeltà mascherata”. Il suo presidente George Iny ritiene che la Corte dovrebbe respingere l’accordo per diverse ragioni, proprio come l’Union des consommateurs. Entrambe le organizzazioni sperano di poterlo dire al giudice. Hanno chiesto anche l’intervento del presidente dell’Ufficio per la tutela dei consumatori (OPC), Denis Marsolais, cosa che la legge gli consente. Se lo farà, sarà la prima volta nella storia dell’OPC, mi è stato confermato. La sua decisione non è stata ancora presa.

Sia l’APA che l’Unione dei consumatori ritengono che l’accordo negoziato da Lambert Avocats non vada a vantaggio degli automobilisti e che avrà “un effetto dannoso sulla reputazione e sull’efficacia delle azioni collettive come meccanismo di protezione dei consumatori.

Tra le altre critiche: i tagliandi non possono essere convertiti in contanti, il valore dei tagliandi non utilizzati rimarrà nelle tasche dei concessionari e nessuno controllerà la distribuzione da parte dei commercianti di questi famosi tagliandi.

Non sapremo quindi mai quanti cittadini del Quebec li hanno utilizzati e quanto hanno pagato i concessionari per il presunto difetto.

Uno degli automobilisti che hanno potuto ottenere il buono da 75 dollari, Hubert Lamontagne, ha espresso la sua contrarietà alla regolamentazione. Tra le sue critiche vi è lo scarso credito, poiché un uomo ha ottenuto il rimborso delle spese pagate ($ 1.518) e un risarcimento danni punitivi di $ 500 facendo causa per piccole controversie.

“I membri della classe non dovrebbero subire una così grande disparità di risultati tra far valere i propri diritti senza un avvocato in controversie di modesta entità (2018 dollari) ed essere rappresentati da un avvocato in un’azione collettiva (75 dollari)”, scrive il signor Lamontagne, un avvocato che lavora per l’APA. Inoltre, ritiene che questo regolamento sia “una grande opportunità commerciale” poiché i concessionari avranno il potenziale per contattare 500.000 persone per incoraggiarle a venire sul posto.

Per non parlare del fatto che non c’è molto che puoi fare con $ 75 presso un concessionario oltre all’acquisto di tergicristalli e articoli promozionali come tazze, portachiavi, animali di peluche e cappellini. Desideri fare pubblicità al commerciante che ti ha addebitato un prezzo eccessivo?

Certo, puoi ridurre la bolletta cambiando l’olio o le gomme, senza dubbio le due opzioni migliori. Il credito potrebbe essere utilizzato anche sul costo di una riparazione.

Sarà interessante ascoltare le argomentazioni a favore dell’accordo che verranno sostenute dall’avvocato che segue il caso, Jimmy Ernst Jr. Laguë-Lambert. Questo “bellissimo accordo per i soci” è stato “firmato a regola d’arte”, mi ha detto.

Gli “accordi con voucher” sono stati a lungo criticati, soprattutto perché il risarcimento è subordinato all’acquisto da parte della società che potrebbe aver infranto la legge e danneggiato i suoi clienti. È abbastanza contraddittorio, se ci pensi. Inoltre, il tasso di utilizzo è molto basso, pari allo 0,54% in un caso verificatosi negli Stati Uniti, secondo un rapporto⁠2 integrato con 101 pagine di Option consommateurs sull’argomento.

In genere, i giudici approvano gli accordi concordati tra le parti. Ma le proteste hanno già funzionato. È successo nel 2022 nel caso Uber Eats perché nessun consumatore è stato risarcito⁠3.

Il mio collega Yves Boisvert ha già criticato⁠4 “l’industria oscena dell’azione collettiva”, perché ingrassa gli avvocati che affrontano cause a volte frivole. I giudici hanno anche rifiutato gli accordi denunciando gli onorari indecenti che le aziende si erano concesse.

Ovviamente alcuni giuristi spingono un po’ oltre i limiti. Ma in questo caso l’importanza della causa è innegabile e proprio per questo richiede una transazione che sia al tempo stesso più coerente con il danno subito dai clienti e più dissuasiva, perché l’andamento dei costi continua.

1. Leggi l’articolo di Guida “Accensioni illegali: credito di $ 75 se hai acquistato un veicolo da questi concessionari”, che fornisce un elenco dei concessionari interessati

2. Consultare lo studio Option consommateurs “Regolamentazione dei coupon: la giustizia diventa un programma fedeltà? »

3. Leggi l’articolo “Azioni collettive contro Uber Eats: vittoria degli studenti UdeM”

4. Leggi la rubrica “L’oscena industria dell’azione collettiva”

-

PREV Test del macinacaffè espresso Philips Serie 5500 LatteGo: una ricetta perfettamente padroneggiata
NEXT Il cacao torna sopra i 10.000 dollari mentre le prospettive dell’industria del cioccolato si oscurano