L’obiettivo di produzione di rame del Perù nel 2024 è realistico, dicono i magnati del settore minerario

L’obiettivo di produzione di rame del Perù nel 2024 è realistico, dicono i magnati del settore minerario
L’obiettivo di produzione di rame del Perù nel 2024 è realistico, dicono i magnati del settore minerario
-

L’obiettivo di produzione di rame del governo peruviano di 3 milioni di tonnellate per il 2024 è realistico, hanno detto martedì alti dirigenti del settore, mentre il paese cerca di incrementare gli investimenti minerari per aiutare a uscire dall’economia in recessione.

Lo scorso anno il Paese sudamericano ha prodotto 2,76 milioni di tonnellate di rame, passando dal primo al secondo posto nella produzione mondiale del metallo rosso. Tuttavia, rimane il primo al mondo in termini di volumi di esportazioni.

L’attività mineraria è essenziale per l’economia peruviana, entrata in recessione nel 2023 a causa degli effetti climatici avversi, dei conflitti sociali e del calo degli investimenti.

“La projection de 3 millions de tonnes est réaliste”, a déclaré Carlos Castro, directeur des affaires corporatives et du développement des affaires à Minera Las Bambas, à Reuters mardi, en marge d’un forum réunissant des dirigeants d’entreprises minières du monde intero.

Las Bambas, di proprietà della società cinese MMG Ltd, ha visto la sua produzione diminuire negli ultimi anni a causa delle proteste sociali dei residenti che chiedevano maggiori benefici dalla miniera.

“Si tratta di una proiezione ragionevole”, ha affermato Raul Jacob, vicepresidente finanziario di Southern Copper, il terzo produttore di rame della nazione.

Southern Copper spera di aumentare la propria produzione di rame del 20% quest’anno rispetto al 2023, quando ha estratto 374.149 tonnellate di metallo, secondo i dati del governo.

Il Ministro peruviano delle Miniere e dell’Energia Romulo Mucho ha annunciato l’obiettivo di 3 milioni di tonnellate a marzo.

“Batteremo il record quest’anno, possiamo farcela, i primi tre mesi dell’anno dimostrano che stiamo crescendo”, ha detto martedì Mucho.

La fiducia dei minatori arriva mentre i prezzi del rame hanno raggiunto il livello più alto degli ultimi due anni.

Victor Gobitz, presidente di Antamina, il secondo produttore di rame del Perù, ha affermato che le previsioni sono “molto ottimistiche” ma ancora realizzabili. “Stimo che la produzione sarà compresa tra 2,8 e 3 milioni di tonnellate.

Antamina, controllata da Glencore, BHP, Teck e Mitsubishi, lo scorso anno ha prodotto 435.378 tonnellate di rame e spera di mantenere questo livello nel 2024.

L’anno scorso, il Perù ha concesso permessi ambientali per l’espansione di alcuni progetti chiave e prevede la costruzione di altri progetti come Tia Maria di Southern Copper.

Si prevede che il progetto Tia Maria da 1,4 miliardi di dollari di Southern Copper in Perù, a lungo in stallo, verrà avviato entro la fine dell’anno o nella prima metà del 2025, afferma il dirigente dell’azienda. (Segnalazione di Marco Aquino; Montaggio di David Gregorio)

-

NEXT Bandi da non perdere a giugno 2024