nuova multa per l’online banking N26

nuova multa per l’online banking N26
nuova multa per l’online banking N26
-

Il supervisore bancario tedesco Bafin ha annunciato martedì di aver inflitto una multa di 9,2 milioni di euro alla banca online N26 per ripetuti ritardi nella segnalazione di sospetti riciclaggio di denaro. Bafin sì “ha scoperto che l’establishment aveva sistematicamente presentato segnalazioni tardive di sospetto di riciclaggio di denaro nel 2022”indica un comunicato stampa dell’autorità.

La neobank con sede a Berlino è sottoposta dal 2021 alla sorveglianza Bafin per quanto riguarda l’applicazione delle misure antiriciclaggio sulla sua piattaforma. Le carenze nel suo sistema di prevenzione del riciclaggio di denaro le avevano già procurato una multa di 4,25 milioni di euro nel giugno 2021.

Leggi anche“È l’arma letale”: questa la sanzione degli Stati Uniti che spinge le banche a rompere con la Russia

Misure correttive implementate

In reazione a questa nuova multa, N26 osserva in un comunicato che le inadeguatezze in questione risalgono al 2022 e che da allora sono state implementate misure “migliorare i propri processi di segnalazione investendo oltre 80 milioni di euro in risorse umane e infrastrutture tecniche per continuare a combattere la criminalità finanziaria e il riciclaggio di denaro”. L’azienda sottolinea di averlo fatto “ha già previsto questa sanzione nei conti del 2022”, superiore all’importo imposto. Soprattutto a causa di questo onere eccezionale, ha registrato una pesante perdita nel 2022.

Banca 100% online creata nel 2013, N26 è nel mirino di Bafin dal 2018, allarmato, a seguito di un’indagine condotta da diversi media tedeschi, sulla possibilità di aprire un conto con documenti d’identità falsi. Oltre a prevenire il riciclaggio di denaro, l’autorità di regolamentazione tedesca ha anche posto la banca sotto sorveglianza “limitare” i rischi legati alla sua rapida crescita la impongono di limitare l’assunzione di nuovi clienti a “50.000 al mese”. La banca online conta quasi 8 milioni di clienti in ventiquattro paesi, principalmente in Germania e Francia, e punta a una IPO in una data non specificata.

-

PREV Wavestone: “Non vediamo una ripresa prima dell’inizio del 2025” Pascal Imbert, CEO
NEXT Bandi da non perdere a giugno 2024