Gli obbligazionisti di Atos rifiutano l’offerta di riscatto di Kretinsky, secondo La Tribune

Gli obbligazionisti di Atos rifiutano l’offerta di riscatto di Kretinsky, secondo La Tribune
Gli obbligazionisti di Atos rifiutano l’offerta di riscatto di Kretinsky, secondo La Tribune
-

Gli obbligazionisti della società informatica francese Atos hanno rifiutato l’offerta di acquisto del miliardario ceco Daniel Kretinsky, ha riferito sabato il settimanale francese La Tribune.

Secondo quanto riferito, gli obbligazionisti hanno citato il piano di Kretinsky di cancellare quasi tutto il debito della società e temono che possa smembrare l’azienda tecnologica, un tempo leader, le cui azioni hanno perso il 90% del loro valore negli ultimi tre anni dopo una serie di avvisi di profitto. Abbandoni del CEO e potenziali vendite di asset fallite.

L’offerta del signor Kretinsky è stata avanzata dal suo fondo EP Equity Investment (EPEI) in collaborazione con il fondo britannico Attestor. Un portavoce di EPEI-Attestor ha affermato che “EPEI si concentra esclusivamente sul salvataggio di Atos, poiché crediamo nelle nostre capacità di ristrutturazione”.

Atos non ha risposto alle richieste di commento, ma ha affermato di aver mantenuto tre proposte di ristrutturazione. Si tratta di quello dell’imprenditore francese David Layani, che è il principale azionista della società con una quota dell’11%, quello degli obbligazionisti e dei creditori bancari di Atos, nonché dell’offerta del signor Kretinsky.

La società ha dichiarato che prenderà una decisione entro il 31 maggio, prima di raggiungere un accordo entro luglio.

-

NEXT Bandi da non perdere a giugno 2024