Test Peugeot E-3008: fino a 700km di autonomia, ma potrà detronizzare la Tesla Model Y?

-

Fresco dello stabilimento Peugeot di Sochaux, nel nord della Francia, la nuovissima Peugeot E-3008 sfoggia un design rinnovato e un design completamente nuovo. Dichiara un’autonomia fino a 700 km, attirando l’attenzione con il suo stile più aggressivo. Ma vale davvero il suo prezzo?

Peugeot colpisce duro con il look del suo nuovo SUV elettrico. Ciò che risalta immediatamente è il suo aspetto “fastback”: una linea del tetto drammaticamente inclinata, accompagnata da un lunotto fortemente inclinato, privo di tergicristallo. Tuttavia, va notato che si tratta di una “fastback” e non di un SUV coupé. Secondo Peugeot, infatti, questo cognome si riferisce ad una linea del tetto che si abbassa a partire dal centro del veicolo, il che potrebbe compromettere l’abitabilità della parte posteriore.

Peugeot dota il suo SUV di uno spoiler a “orecchie di gatto” e di tripli fari posteriori, integrati in un’ampia fascia nera. Questo elemento, divenuto ricorrente per il marchio del leone, si ritrova per la prima volta anche sulla parte anteriore del veicolo.

Edizione per abbonati digitaliEdizione per abbonati digitali

Il frontale, con il suo muso arrotondato ma aggressivo e i suoi gruppi ottici molto sottili, denota un certo sovraccarico dovuto alla presenza di troppi elementi. A nostro avviso c’entra molto la griglia, risultando troppo complessa e troppo imponente a causa del colore della carrozzeria applicato su di essa. D’altro canto, il posteriore, massiccio e dritto, contrasta con l’anteriore più dinamico.

Un interno pulito

Non appena ci sediamo sui comodi sedili in Alcantara (di serie sulla finitura GT), veniamo avvolti in un’atmosfera molto “cocooning” e raffinata specifica della E-3008. L’uso dei tessuti grigi rende l’interno più accogliente, simile ad un salotto (se preferite i divani in tessuto piuttosto che in pelle, ovviamente).

Edizione per abbonati digitaliEdizione per abbonati digitali

Una lunga striscia LED, discreta perché nascosta, illumina l’abitacolo con una luce gradevole e non diretta. In effetti, si riflette sui pannelli di alluminio. Tuttavia, il riflesso dei LED sul parabrezza può distrarre dopo il tramonto.

Il conducente viene accolto da uno straordinario schermo curvo da 21 pollici. È composto da un unico pannello, quindi è un unico schermo lungo e non due schermi posizionati uno accanto all’altro come ad esempio BMW o Mercedes. Con un supporto sul retro dello schermo, dà l’illusione di fluttuare. Si tratta di una novità di grande successo e rendiamo omaggio al desiderio di Peugeot di migliorare e innovare continuamente i suoi interni. Purtroppo l’I-Cockpit, con il suo quadro strumenti (la parte sinistra dello schermo) in alto e il piccolo volante che si trova in basso, non farà solo felici: quando ci si siede normalmente, il volante nascondere parte delle informazioni sullo schermo. Se sei abituato a stare seduto in posizione eretta, dovresti avere meno problemi.

Edizione per abbonati digitaliEdizione per abbonati digitali

Non troppo inquietante, ma abbastanza strano da notare: i braccioli non sono davvero pratici. Si inclinano eccessivamente in avanti e non forniscono una maniglia per il sostegno. Sembra che Peugeot abbia optato per l’estetica piuttosto che per la funzionalità.
Sul volante ci sono pulsanti capacitivi senza una reale separazione tra loro, il che è un peccato: i veri pulsanti singoli, come nel caso della 308, sono più apprezzabili;

Piacevole e sicuro sulla strada

Su strada possiamo godere di uno sterzo molto piacevole, il volante è fortemente assistito e gira senza sforzo pur essendo abbastanza preciso. Il suo diametro ridotto gioca a suo favore in termini di agilità mentre il suo spessore e la presenza di tacche permettono alle lancette di integrarsi bene nel rivestimento in similpelle.

La reattività c’è grazie al motore elettrico da 210 cavalli. A differenza di molti rivali, Peugeot opta per la trazione (trazione anteriore). Il telaio, infatti, è comune al modello ibrido e termico. Attualmente nessun modello del marchio del leone viene offerto esclusivamente in versione elettrica.

Edizione per abbonati digitaliEdizione per abbonati digitali

Detto questo, la potenza è perfettamente adeguata nella versione base testata. Lo 0-100 km/h viene raggiunto in circa 8 secondi. La manovrabilità su strada è buona nonostante le 2,1 tonnellate del veicolo. L’auto tiene bene la strada quando spingiamo il SUV con una guida più dinamica su strade tortuose. I sedili sostengono efficacemente il nostro corpo in curva e sono molto piacevoli. Anche dopo più di due ore di guida non abbiamo avvertito stanchezza o mal di schiena. Molto meglio. Spero che i sedili in tessuto standard sull’allestimento Allure siano altrettanto buoni.

Non abbiamo notato alcun problema di insonorizzazione o eccessivo rumore di rotolamento. Questi aspetti sono sotto controllo. Il sistema audio di base è di buona qualità senza essere eccezionale; il volume riempie bene l’abitacolo ma manca di corposità quando viene spinto al massimo.

Autonomia

Non siamo stati in grado di testare l’auto abbastanza a fondo da includere un test di autonomia, ma sembrava buona anche se inferiore al numero WLTP pubblicizzato di 522 km. Peccato per l’aerodinamica (cx = 0,29) abbastanza lontana dalla Tesla Model Y (cx = 0,23). È possibile che questa situazione migliorerà quando Stellantis offrirà esclusivamente modelli elettrici.

Concorrenza dura e prezzi alti

Cerchiamo di essere chiari, l’E-3008 non è economico. Peugeot propone due finiture per il suo SUV: la versione Allure a 49.735 euro, già molto ben equipaggiata, e la versione GT a 54.735 euro. È costoso. Molto costoso. In confronto, la Renault Scenic E-Tech è disponibile a partire da 39.990 euro con, certamente, meno autonomia: 430 chilometri WLTP rispetto ai 530 della E-3008. La preoccupazione della Casa del Leone è che la versione Scenic a lungo raggio in finitura Techno (625 km WLTP e 220 cavalli) resti più economica (46.950 euro).

Edizione per abbonati digitaliEdizione per abbonati digitali

Rispetto alla Tesla Model Y (43.970 euro per 455 km WLTP), leader indiscussa del segmento, la E-3008 offre una qualità degli interni superiore ma meno spazio. La Model Y sembra anche più efficiente e rimane al comando grazie al suo sistema di infotainment più efficace (fluidità, facilità di ricarica, semplicità), anche se è avanti in termini di ergonomia dei comandi del conducente (aria condizionata, tergicristalli, ecc.). .). Anche la versione a lungo raggio con due motori (50.970 euro) offre prestazioni decisamente migliori ad un prezzo simile.

Peugeot propone quindi un veicolo dal design molto accattivante con interni di ottima qualità ma il cui conto è un po’ troppo alto… I più pragmatici tra voi probabilmente guarderanno altrove.

prova dell’auto Peugeot E-3008

-

PREV Il Comune di Libramont offre un terreno a Serpont per costruire una proxi-clinica; e ospitare lì la riconvalida?
NEXT Richiesta di azione collettiva | CAE accusata di aver ingannato gli investitori