ma dov’è andato l’autista?

ma dov’è andato l’autista?
ma dov’è andato l’autista?
-
Lo shuttle autonomo di livello 4 della Renault ©Renault

Renault, in collaborazione con lo specialista cinese delle tecnologie di guida autonoma WeRide, presenterà una navetta per la guida autonoma di livello 4 durante l’edizione 2024 del torneo di tennis Roland-Garros.

  • 16/05/2024
  • Laurent Lepsch

Se la guida autonoma per i veicoli privati ​​sembra ancora lontana dal mantenere tutte le promesse, quella relativa ai trasporti pubblici prosegue sulla buona strada. Ultimo esempio fino ad oggi con Renault, che dimostrerà a navetta autonoma di livello 4 su Renault Master, in collaborazione con la società cinese WeRidespecializzato in questa guida autonoma di livello 4.

Questa navetta elettrica senza conducente a bordo trasporterà gli spettatori all’edizione 2024 del Roland-Garros (Renault è uno dei principali partner dei “francesi”), su un percorso predefinito che li condurrà dal 26 maggio al 9 giugno 2024, dal parcheggio P2 (situato alla periferia di Bois-de-Boulogne) allo stadio Roland-Garros. E, al termine delle partite, questa stessa navetta sarà messa a disposizione per lasciare il Roland-Garros per recarsi a Place de la Porte d’Auteuil o tornare al Parcheggio P2.

La navetta elettrica e autonoma della Renault trasporterà gli spettatori del Roland-Garros©Renault

In definitiva, questi esperimenti di navetta autonoma porteranno il Gruppo Renault a offrire un Piattaforma miniBus elettrica robotica basata sul Nuovo Renault Master : “Il Gruppo Renault sta portando avanti la sua strategia per i veicoli autonomi. Pertanto, grazie ai nostri esperimenti e ai nostri partner, i migliori nei loro campi, saremo in grado, ben prima della fine di questo decennio, di proporre un’offerta molto rilevante e a basse emissioni di miniBus autonomi per soddisfare le crescenti esigenze dei territori.” Ha commentato Gilles Le Borgne, CTO del Gruppo Renault.

Questo articolo è pertinente?

-

PREV Un grande progetto contribuirà a riposizionare il settore dell’allevamento
NEXT Amundi si lancia negli ETF obbligazionari a scadenza fissa