Il cambiamento climatico potrebbe costringere Bangkok a spostarsi, avverte l’esperto governativo – rts.ch

Il cambiamento climatico potrebbe costringere Bangkok a spostarsi, avverte l’esperto governativo – rts.ch
Il cambiamento climatico potrebbe costringere Bangkok a spostarsi, avverte l’esperto governativo – rts.ch
-

La Thailandia potrebbe essere costretta a spostare la capitale Bangkok a causa dell’innalzamento del livello degli oceani, avverte un alto funzionario dei servizi climatici del paese in un’intervista all’AFP.

Le proiezioni mostrano costantemente che Bangkok corre il rischio di essere inondata dall’oceano prima della fine del secolo. Gran parte della vivace capitale è già soggetta a inondazioni durante la stagione delle piogge.

Pavich Kesavawong, vicedirettore generale del dipartimento governativo per i cambiamenti climatici e l’ambiente, teme che la città non sarà in grado di adattarsi abbastanza rapidamente alla luce dell’attuale riscaldamento globale.

“Penso che abbiamo già superato 1,5” gradi Celsius di aumento della temperatura rispetto all’era preindustriale, stima. “Ora dobbiamo tornare indietro e pensare all’adattamento”, perché “Bangkok sarà sott’acqua se la situazione attuale non cambia”.

Un problema “molto complesso”.

Il comune sta valutando varie misure, tra cui la costruzione di dighe come quelle utilizzate nei Paesi Bassi.

“Abbiamo pensato di trasferirci”, dice Pavich Kesavawong, sottolineando che queste discussioni sono ancora allo stadio di ipotesi e che il problema è “molto complesso”.

“Personalmente penso che sia una buona scelta. In questo modo potremmo separare la capitale, i distretti governativi e quelli degli affari”, spiega. “Bangkok resterebbe la capitale del governo, ma sposterebbe le imprese”.

Una decisione politica sullo spostamento della capitale resta lontana, ma non è senza precedenti nella regione.

>> Riascoltiamo il rapporto Tout un monde sull’ondata di caldo estremo nel sud-est asiatico:

Il Sud-Est asiatico travolto da un’ondata di caldo estremo / Tutti / 4 min. / 7 maggio 2024

Nuova capitale in Indonesia

L’Indonesia inaugurerà quest’anno la sua nuova capitale Nusantara, che sostituirà l’inquinata e affondante Giakarta come centro politico del paese. Il progetto del Titanic è controverso ed estremamente costoso, con un prezzo stimato compreso tra 29,5 e 32,3 miliardi di euro.

La Thailandia sta sperimentando gli effetti del cambiamento climatico in una vasta gamma di settori, dagli agricoltori che affrontano il caldo e la siccità al turismo colpito dall’inquinamento e dallo sbiancamento dei coralli.

Le autorità hanno già chiuso diversi parchi nazionali a causa del recente sbiancamento dei coralli e Pavich Kesavawong avverte che sono possibili ulteriori chiusure.

“Dobbiamo salvare la nostra natura, quindi intraprenderemo qualsiasi azione in grado di proteggere le nostre risorse”, afferma.

Prima legge sul cambiamento climatico

Immediatamente, il dipartimento di Pavich Kesavawong, sotto il Ministero delle risorse naturali e dell’ambiente, sta approvando la prima legge sul cambiamento climatico della Thailandia, in lavorazione almeno dal 2019 ma è stata accantonata durante la pandemia di Covid-19.

Pavich Kesavawong spera che il testo, che affronta tutti i temi (prezzo del carbonio, misure di adattamento, ecc.), venga votato anche quest’anno. Ricordiamo che la Thailandia punta alla neutralità del carbonio entro il 2050 e all’azzeramento delle emissioni nette di carbonio nel 2065.

afp/ther

-

PREV Internet mobile: a fine marzo oltre 35 milioni di abbonati
NEXT MyFree abbina i tuoi account in un’unica app