Ryanair abbandona diversi voli per il Marocco

-

Da novembre la base Ryanair all’aeroporto di Bordeaux sarà chiusa. Così ha deciso la low cost irlandese. All’origine di questa decisione, il fallimento delle trattative con l’aeroporto di Bordeaux sull’estensione dei suoi servizi, nonché l’aumento dei costi a Bordeaux a partire da novembre 2024. “Siamo delusi che l’aeroporto di Bordeaux non abbia accettato l’estensione dei nostri base a basso costo a partire da novembre 2024. A causa dell’aumento dei costi, non abbiamo altra alternativa finanziaria che chiudere la nostra base di Bordeaux a novembre e trasferire questi aerei e posti di lavoro in basi a basso costo altrove nella vasta rete di aeroporti del Gruppo Ryanair in tutto il mondo. Europa”, spiega Jason McGuinness, Direttore Commerciale di Ryanair.

Leggi: Ryanair: prezzi in aumento sui voli per il Marocco

Questa partenza forzata dall’aeroporto di Bordeaux comporta la perdita di 40 rotte Ryanair da e per Bordeaux. Saranno interessati i voli per il Marocco (Agadir, Fez, Marrakech e Tangeri). Un’altra conseguenza: la perdita di oltre 90 posti di lavoro per piloti, membri dell’equipaggio di cabina e ingegneri con sede a Bordeaux. La compagnia ha già informato tutti i piloti e il personale di cabina Ryanair con sede a Bordeaux (attualmente impiegati da Malta Air) della chiusura della sua base a partire da novembre 2024. “A tutti questi professionisti dell’aviazione verranno offerte posizioni simili in altre basi interessanti all’interno del gruppo Ryanair rete”, afferma il basso costo. Per quanto riguarda i tre aerei con sede a Bordeaux, ha deciso di trasferirli in aeroporti meno costosi in altre parti d’Europa.

Leggi: Ryanair: gli abitanti del Rif si sentono abbandonati

Per Jason McGuinness, “la perdita di Bordeaux costituirà un guadagno per altri aeroporti in tutta Europa”. “E abbiamo già avviato discussioni con i nostri piloti, personale di cabina e ingegneri con sede a Bordeaux per offrire loro posizioni simili in altre interessanti basi Ryanair in tutta Europa a partire da novembre 2024”, ha aggiunto.

-

PREV ABN Amro acquista la banca privata tedesca HAL dalla cinese Fosun
NEXT Il mediatore energetico distribuisce 4 cartellini rossi ai fornitori Eni, Engie, Ohm Énergie e Wekiwi