Lydia lancia Sumeria, una banca online con un conto fruttifero

Lydia lancia Sumeria, una banca online con un conto fruttifero
Lydia lancia Sumeria, una banca online con un conto fruttifero
-

La banca Sumeria offre “un conto corrente efficace quanto altri servizi digitali”, assicura Cyril Chiche, presidente di Lydia Solutions.
Lidia

La società ha lanciato ad aprile un’applicazione Lydia Accounts che conta già due milioni di utenti.

Lydia cambia rotta. Undici anni dopo il lancio della sua applicazione di pagamento peer-to-peer, molto apprezzata dagli studenti, si lancia nel settore bancario con un nuovo marchio. Chiamato Sumeria, in omaggio alla civiltà che inventò la scrittura »questa nuova offerta offre un conto corrente efficace quanto gli altri servizi digitali », assicura Cyril Chiche, presidente di Lydia Solutions. Secondo lui, i giocatori tradizionali, comprese le banche online, non possono raggiungere questo obiettivo, perché l’attività di deposito da sola non copre i loro costi strutturali. Serve quindi l’avvento di un player digitale che, come Uber, Airbnb o Spotify, trasformi il proprio settore grazie ad una struttura dei costi radicalmente più leggera. » Per raggiungere i loro obiettivi, i manager di Lydia intendono investire 100 milioni di euro e assumere 400 persone in tre anni (Lydia impiega attualmente 250 dipendenti). L’ambizione è quella di avere 5 milioni di clienti entro questo lasso di tempo.

Non ancora redditizio

Dalla sua creazione nel 2011, la società, diventata Unicorno nel 2021, ha raccolto circa 235 milioni di euro. Ma non sta ancora guadagnando niente. Prevediamo di raggiungere la redditività nel 2025 », assicuriamo Lydia. Per fare questo, l’azienda ha rivisto la sua strategia. La sua applicazione di pagamento tra privati, infatti, si è arricchita a partire dal 2018 di numerosi altri servizi come conti correnti, carte di pagamento ma anche soluzioni di risparmio. Ma queste attività hanno dimostrato più o meno successo », ammette il gruppo. Questo è ciò che lo ha deciso ritornare a un approccio più concentrato, attorno alle partite correnti, a partire dal 2023. » Il mese scorso, la società ha rinominato la sua app Lydia Accounts. Ciò vale circa 2 milioni di clienti bancari (su un totale di 8 milioni di utenti dell’applicazione Lydia).

Le nuove offerte proposte dal marchio Sumeria utilizzano i codici di quelle di Lydia Comptes: aprire un conto con una carta di pagamento Visa è gratis, senza commissioni per i pagamenti all’estero, ma esiste la versione premium a 99 euro all’anno. Per distinguersi in un panorama bancario online molto competitivo, che ha recentemente visto la scomparsa di ING France, Orange Bank e Ma French Bank, Sumeria remunerare i suoi conti correnti. Tutti i conti guadagneranno il 2% lordo al mese (4% per 4 mesi all’apertura). Un’offerta rara in Francia, diversa dai tradizionali bonus di benvenuto (da 80 a 120 euro).

Lydia si rivolge principalmente ai giovani di età compresa tra i 18 e i 34 anni, fascia di popolazione più esigente e digitalmente matura », molti dei quali utilizzano già la sua piattaforma di pagamento mobile. L’azienda mira ad espandersi altrove in Europa. E ha appena presentato domanda all’ACPR e alla BCE per l’approvazione degli istituti di credito. Ma la procedura richiederà tempo.

Lydia sta giocando alla grande pagando i clienti perché se non riesce a ridurre i costi operativi quanto vuole, non guadagnerà nulla, afferma Fabien Vacheret, socio dell’azienda OMS. Dovrà anche guadagnarsi la fiducia dei suoi clienti come banca Le neobanche vengono spesso criticate per le carenze del loro servizio clienti. »

-

PREV Previsto status quo per il tasso locativo di riferimento (studio UBS)
NEXT Picco nel 2024: la Svizzera, hub mondiale del carbone