Oltre 16 miliardi da investire nelle infrastrutture ferroviarie

Oltre 16 miliardi da investire nelle infrastrutture ferroviarie
Oltre 16 miliardi da investire nelle infrastrutture ferroviarie
-

Mercoledì la giustizia vodese ha ripreso in esame la denuncia civile per attentato alla personalità presentata dall’ex consigliere di Stato Pascal Broulis contro un giornalista del Tages-Anzeiger. Il politico chiede il ritiro degli articoli incriminanti.

Dopo aver fallito diversi tentativi di conciliazione, il processo è dovuto andare al nocciolo della questione, cioè al contenuto di nove articoli su undici pubblicati sul principale quotidiano zurighese sulla situazione fiscale e sui viaggi in Russia dell’ex ministro delle finanze vodese.

Cinque anni dopo la presentazione della causa civile da parte dell’attuale consigliere agli Stati (VD/PLR), il tribunale distrettuale di Losanna ha proceduto in mattinata all’interrogatorio del politico e del giornalista di “Tagi” nonché all’audizione di sei testimoni – giornalisti, ex redattori capo, ex mediatori, avvocati e funzionari pubblici. Le difese degli avvocati erano previste per questo pomeriggio.

Per quanto riguarda gli articoli presi di mira, il signor Broulis si considera vittima di una campagna diffamatoria. L’autore di queste carte, incriminanti secondo il punto di vista del senatore, è il corrispondente nella Svizzera francese di “Tagi”, che lui stesso le smentisce.

“Compromesso, illusorio”

Il procedimento civile è stato avviato contro l’ex gruppo Tamedia (oggi gruppo TX), il giornalista ed ex caporedattore del quotidiano zurighese. La conciliazione tra le due parti non ha avuto esito positivo nell’aprile 2019. La denuncia è stata poi depositata nel settembre dello stesso anno. Un secondo tentativo di conciliazione è fallito nuovamente dopo un’udienza nel dicembre 2021.

Mercoledì il giudice ha nuovamente chiesto se un’eventuale conciliazione non fosse possibile. “Sembra molto compromesso”, ha risposto l’avvocato del giornalista, il signor Kevin Guillet. “Illusorio”, ha detto il politico, Me Alexandre Curchod.

Il loro interrogatorio non ha portato nulla di nuovo o di molto interessante. Tutt’al più il signor Broulis ha parlato di grande curiosità per la geografia, la storia e la cultura della Russia, e il giornalista ha affermato di “non aver mai voluto vendetta” contro l’ex ministro delle finanze, in collegamento con le “critiche” del Consiglio di Stato vodese sulle scelte economiche e di ristrutturazione dell’epoca alla Tamedia.

“Strettamente privato”

Il testimone, l’organizzatore dei viaggi in Russia, dopo aver fatto notizia per il loro sostegno finanziario e aver sollevato la questione dei conflitti di interessi, Eric Hoesli, ha ricordato che questi viaggi erano “strettamente privati”. E che i loro “costi necessari e prevedibili sono stati distribuiti tra ciascun partecipante e pagati in anticipo”.

L’ex caporedattore di Hebdo e Le Temps, ex direttore delle pubblicazioni francofone di Tamedia e grande conoscitore della Russia, ha sottolineato anche di essere l’unico organizzatore e responsabile di questi viaggi. Ha inoltre affermato che diversi articoli in questione erano “pieni di inesattezze ed errori di fatto” e talvolta contenevano addirittura informazioni “completamente folli”.

Pascal Broulis spera di ottenere la rimozione degli articoli incriminati da Internet – compresi archivi e social network – e il pagamento di un franco simbolico come risarcimento del danno morale. Chiede inoltre il pagamento di una somma corrispondente al profitto realizzato da Tamedia dalla pubblicazione di questi articoli, somma che dovrà essere stimata dalla Corte.

Questo articolo è stato pubblicato automaticamente. Fonte: ats

-

PREV Questo dato nasconde una dinamica inaspettata!
NEXT Ecco cosa farebbe il 47% dei francesi se avessero più soldi!