Questi cambiamenti che arriveranno a luglio e che rivoluzioneranno il tuo modo di guidare… e potrebbero irritarti!

-

Il belga, l’automobilista più stressato d’Europa: “Probabilmente è anche colpa dei lavori che sono ovunque in Belgio”

L’ultimo barometro della Fondazione Vinci rivela i nostri difetti alla guida, in particolare l’uso eccessivo del clacson.

BELGA




Di Yannick Hallet

Giornalista presso la Redazione Generale
Pubblicato il 13/05/2024 alle 10:00

Che autista sei? Vigile, cortese o piuttosto aggressivo? Secondo un sondaggio condotto dalla Fondazione Vinci in undici paesi europei, il belga è al primo posto (15%) in termini di stress provato, alla pari dell’italiano.

video

I nostri vicini olandesi sono più freddi con solo l’8%. Allo stesso modo, solo il 44% di noi, il punteggio più basso, ha sperimentato la calma durante la guida. I francesi sono nettamente più “zen” con il 55%, così come i tedeschi (60%).

<_readmore class="macro" displayname="_readmore" name="_readmore"/>

La media europea è del 58%. “Questi risultati mostrano un problema di stress, probabilmente dovuto in parte al lavoro svolto ovunque in Belgio. C’è anche la densità del traffico che è maggiore che in altri paesi. Il belga è stressato perché non sa mai a che ora arriverà a destinazione”, commenta Benoît Godart dell’Istituto Vias.

Questo stress non significa che siamo più aggressivi. I francesi o i tedeschi lo sono un po’ di più. Ci collochiamo nella media europea. “Essere stressati non è una buona cosa perché puoi commettere errori più facilmente. È meglio stare tranquilli”, consiglia il nostro interlocutore. Più facile a dirsi che a farsi… “Se ti arrabbi con qualcuno per strada, la cosa migliore da fare è immaginare che forse è un membro della tua famiglia o il tuo capo. E lì il nervosismo cala subito», raccomanda il portavoce della Vias.

Le condanne in Francia possono avere un impatto sulla tua patente in Belgio.Le condanne in Francia possono avere un impatto sulla tua patente in Belgio.

Perdita della patente in Belgio, presto revocata in tutta Europa? “Non c’è motivo di bandire un conducente in un Paese e lasciarlo mettersi al volante altrove”

Detto questo, siamo piuttosto indulgenti verso gli altri. Quasi quattro europei (43%) su dieci credono che gli altri siano irresponsabili. Questo tasso raggiunge addirittura il 55% tra i polacchi e il 56% tra gli slovacchi, rispetto al solo 30% tra i belgi. “Per noi l’asticella non è allo stesso livello. Siamo più indulgenti nei confronti dei comportamenti pericolosi, forse perché li sperimentiamo maggiormente nel traffico quotidiano», afferma lo specialista della sicurezza stradale.

Lo stress si manifesta in termini concreti. “In termini di uso intempestivo del corno, siamo secondi (57%) con i greci, dietro agli spagnoli. L’incremento è del 3% rispetto alla rilevazione precedente. Basta stare a un incrocio di Bruxelles per ascoltarne centinaia durante il giorno. Come promemoria, il clacson serve solo ad avvertire del pericolo», osserva Benoît Godart. Suonare il clacson in modo sbagliato è un’infrazione sotto 1ehm grado. Anche se rimaniamo lontani dai risultati peggiori, sono in aumento altri comportamenti legati allo stress come imprecare (+3%), sorpassare a destra in autostrada (+2%) o scendere per “spiegarsi” ( +2%). “Bisogna evitare di scendere dall’auto in una situazione di tensione, anche per chiedere scusa, perché ciò potrebbe essere mal percepito dall’altro conducente”, avverte Benoît Godart.

Pagando, pagando e pagando ancora e multe “all’infinito”, presto tutto finirà…Pagando, pagando e pagando ancora e multe “all’infinito”, presto tutto finirà…

La vita degli automobilisti sta per cambiare completamente? Ecco la “patente a punti” belga!

Dovremmo vedere un collegamento lì? Sempre secondo il Barometro della Fondazione Vinci, un belga su cinque afferma di essere già stato responsabile di un incidente. Questo è il tasso più alto. I francesi sono al 15% e gli olandesi al 14%. Peggio ancora, il 10% dei belgi ammette di essersi reso responsabile di un disastro a causa di comportamenti pericolosi. Nessuno ci batte su questo punto. E se prendiamo tutti i piloti che dicono di aver avuto, o quasi, un incidente, siamo in testa alla classifica (53%), subito dietro ai greci (60%).

“Rispetto ai nostri vicini francesi, olandesi, lussemburghesi o tedeschi, abbiamo più incidenti con vittime in generale. Il nostro numero di morti pro capite è più alto. Evidentemente ciò si riflette nell’indagine della Fondazione Vinci”, reagisce Benoît Godart. Detto questo, nella domanda posta rientrano anche i semplici scontri. In questo senso il Belgio non è avvantaggiato perché abbiamo un traffico stradale molto denso, quindi con un rischio maggiore. Per quanto riguarda il 10% dei belgi feriti a seguito di guida pericolosa: “Ciò dimostra che c’è ancora del lavoro da fare in termini di velocità, alcol e distrazione”.

-

PREV Wall Street indecisa, chiude in pareggio
NEXT Il sindaco di Plessisville dovrà pagare 4.000 dollari per una violazione etica