Quando avrà luogo il prossimo lancio della Starship?

Quando avrà luogo il prossimo lancio della Starship?
Quando avrà luogo il prossimo lancio della Starship?
-

Il prossimo decollo del megarazzo Starship di SpaceX è imminente, secondo i commenti di Elon Musk in una recente dichiarazione. L’imprenditore miliardario indica che questo volo potrebbe avvenire in circa tre-cinque settimane, con l’obiettivo di superare le prestazioni dei voli precedenti.

Progresso costante

Composto da un enorme booster alto 70 m e da uno stadio superiore di 50 m, il razzo Starship è progettato per essere completamente riutilizzabile. SpaceX vorrebbe fare affidamento su di esso per inviare umani e merci sulla Luna, e successivamente su Marte. Si tratterebbe anche di offrire voli “punto a punto” sopra la Terra, in particolare per conto dell’esercito americano.

Inoltre, dal sito Starbase di SpaceX nel sud del Texas, la Starship è già partita tre voli di provamostrando miglioramenti incrementali con ogni iterazione.

Nel dettaglio, il primo volo, atteso con grande entusiasmo, ha incontrato difficoltà sin dal decollo. I due stadi dell’astronave non si separarono come previsto, provocando un guasto critico del sistema. Per ragioni di sicurezza, SpaceX ha quindi scelto di terminare il volo facendo esplodere il veicolo nell’atmosfera solo quattro minuti dopo il decollo.

Nonostante si sia trattato di una battuta d’arresto, questo volo ha permesso a SpaceX di raccogliere dati cruciali per migliorare i lanci futuri.

Il secondo volo ha mostrato progressi, con successo nella separazione degli stadi. Tuttavia, ciò è avvenuto prima del previsto, limitando il tempo di volo e la capacità di raccolta dei dati. Tuttavia, questo volo ha consentito ancora una volta a SpaceX di convalidare alcuni aspetti del progetto della Starship e di raccogliere informazioni preziose per futuri aggiustamenti.

Infine, durante il terzo volo, il Super Heavy è riuscito a posizionarsi per un atterraggio pianificato, dimostrando un migliore controllo delle fasi di discesa e atterraggio. Durante questo periodo, la nave raggiunse con successo la velocità orbitale, indicando un progresso nella sua capacità di operare nello spazio per lunghi periodi.

Anche se il volo si concluse con un fallimento al rientro nell’atmosfera terrestre, fu comunque una pietra miliare importante nello sviluppo della Starship.

Crediti: SpaceX

Un prossimo lancio più ambizioso

Nel complesso, questi voli di prova sono stati quindi essenziali per identificare le sfide tecniche, convalidare i concetti di progettazione e perfezionare le prestazioni di Starship. Per il prossimo, quindi, la nave dovrà affrontare le temperature estreme generate durante il rientro nell’atmosfera terrestre tentare un atterraggio controllato nell’oceano.

Sarà anche una questione di simulare il recupero del booster Super pesante nel Golfo del Messico. Se questo test avesse esito positivo, SpaceX potrebbe tentare di recuperare veramente il suo booster durante il volo successivo utilizzando la sua torre “Mechazilla” dal sito Starbase.

Per quanto riguarda i tempi, SpaceX punta al decollo https://twitter.com/elonmusk/status/1789367327290712532. Rimangono tuttavia ostacoli logistici, compreso l’ottenimento di una licenza di lancio da parte dell’ Amministrazione federale dell’aviazione (FAAA). L’agenzia sta supervisionando un’indagine sugli incidenti avvenuti durante il volo del 14 marzo, che potrebbe ritardare il processo.

-

PREV rabbia contro una gigafactory tedesca di Tesla
NEXT Satelliti in abbondanza: un Santo Graal