MaPrimeRénov’ diventa più accessibile

MaPrimeRénov’ diventa più accessibile
MaPrimeRénov’ diventa più accessibile
-

Da mercoledì 15 maggio l’accesso al sistema di finanziamento per i lavori di risanamento energetico di un’abitazione diventerà più flessibile per alcune pratiche.

Perdendo slancio, MaPrimeRénov’ sta diventando più accessibile per un numero maggiore di file. Nel primo trimestre del 2024, l’Agenzia nazionale per l’edilizia abitativa (Anah) ha rivelato che il numero di case ristrutturate utilizzando il sistema MaPrimeRénov’ (MPR) non ha superato le 80.000 pratiche, un calo del 43% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Per compensare questo calo, il governo ha deciso all’inizio di marzo di accogliere più domande, giustificando una dotazione disponibile e un aumento del personale di supporto, con la creazione di 600 strutture entro giugno.

Dal 1° gennaio 2024, MaPrimeRénov’ è diviso in due assi: “MPR Parcours par gesto” per lavori di isolamento, ventilazione o anche riscaldamento e “MPR Parcours accompagnati” per ristrutturazioni su larga scala. Se il secondo rimane invariato nella nuova formula del sistema, alcuni cambiamenti entreranno in vigore questo mercoledì.

· La fine del DPE

Tuttavia, è un elemento chiave del sistema MaPrimeRénov. Da mercoledì 15 maggio fino al 31 dicembre 2024 non sarà più obbligatorio fornire la diagnosi di prestazione energetica (EPD) per beneficiare di “MPR Parcours par gesto”. Il DPE resta quindi obbligatorio per una pratica “Viaggio assistito”. Questa novità è sorprendente, dato che si prevedeva che milioni di filtri energetici (abitazioni classificate F o G, i gradi più bassi) non avrebbero beneficiato dell’MPR, precisa UFC-Que Choisir.

· Lavoro con una sola mano accettato di nuovo

Prima del 15 maggio, i richiedenti del programma sono tenuti a svolgere lavori di isolamento solo se sono installate nuove apparecchiature per il riscaldamento o la produzione di acqua calda. Ma il governo si è voltato di fronte al calo dei casi all’inizio dell’anno, in parte a causa di questo obbligo. Dopo questo mercoledì, i due tipi di progetti potranno essere realizzati individualmente.

Tra i servizi ammessi a MaPrimeRénov’ Parcours par gesto troviamo:

  • Lavori riguardanti il ​​riscaldamento e l’acqua calda sanitaria (installazione di una caldaia ad alimentazione automatica alimentata da legna o altra biomassa, installazione di apparecchiature per la fornitura di acqua calda sanitaria funzionanti con energia solare termica, ecc.);
  • Isolamento termico (isolamento delle pareti sulla facciata o sul timpano, isolamento delle pendenze del tetto e dei soffitti della mansarda, ecc.).

Si prega di notare che il lavoro ammissibile al programma non è lo stesso a seconda del dipartimento dell’edilizia abitativa.

· Un’etichetta RGE sempre complicata da ottenere

Una condizione obbligatoria per beneficiare del finanziamento MaPrimeRénov è quella di rivolgersi a un professionista con l’etichetta di Garante dell’Ambiente Riconosciuto (RGE). Ma ne mancano molti e i 62mila attualmente disponibili non riescono a coprire tutte le esigenze. E questo numero tende a stagnare, se non a diminuire. Rispetto alle 65.095 aziende RGE del 2022, nel 2024 erano 61.737.

Per rispondere a questa esigenza, necessaria per incrementare il numero delle pratiche MPR, il governo ha annunciato una semplificazione dei termini di accesso e di rinnovo del bollino RGE, ma anche la dematerializzazione delle pratiche per semplificare le richieste di qualificazione e la creazione di un preventivo standard per gli assistiti ristrutturazioni. Ma ad oggi alcuni punti restano ancora senza risposta.

È online un sito per trovare un professionista riconosciuto come garante dell’ambiente.

-

PREV Il Belgio vieta l’esportazione di “combustibili sporchi” in Africa
NEXT buone notizie per il 2024 in Francia, ma potrebbe non durare