La Renault 5 E-Tech elettrica potrebbe essere venduta a un prezzo inferiore con una batteria LFP

La Renault 5 E-Tech elettrica potrebbe essere venduta a un prezzo inferiore con una batteria LFP
Descriptive text here
-

La tecnologia delle batterie LFP (litio-ferro-fosfato) presenta numerosi vantaggi rispetto alle tradizionali celle agli ioni di litio di tipo NMC (nichel-manganese-cobalto), a partire dai costi di produzione inferiori. Nel 2023, la produzione delle celle LFP costerà in media il 32% in meno rispetto alle celle NMC, a parità di energia (fonte: BloombergNEF).

Pubblicità, i tuoi contenuti continuano di seguito

Ma poiché c’è un ma, le batterie LFP hanno una densità di energia inferiore rispetto alle NMC. A parità di capacità, le batterie LFP sono quindi più grandi e pesanti. Questo è il motivo per cui li troviamo spesso nelle versioni entry-level “a batteria piccola”, la cui densità di energia non deve essere così elevata.

Nel 2021, Renault avrebbe preso in considerazione l’utilizzo di celle LFP per la sua R5 elettrica, ma la loro densità energetica molto bassa ha spinto il produttore a utilizzare batterie NMC. [La technologie] L’LFP rappresenta un problema nelle auto di piccole dimensioni lunghe circa 3,95 m ed è difficile far entrare 50 kWh in un’auto del genere; è necessario più spazio, ecco perché ci atteniamo alla tecnologia NMC”ha spiegato nel 2021 Gilles Le Borgne, direttore dell’ingegneria del gruppo Renault, a Telegrafo.

Anche con la batteria entry-level, la Renault 5 E-Tech presentata all’inizio del 2024 utilizza celle NMC. Tuttavia, è questa versione che sarebbe più adatta a ricevere una batteria LFP. I suoi “soli” 40 kWh di capacità utile possono essere raggiunti con la minore densità energetica di questa tecnologia. Come quella delle batterie NMC, la densità energetica delle batterie LFP ha fatto progressi significativi negli ultimi anni. Non molto più grande della R5, la Citroënë-C3 utilizza batterie LFP per 44 kWh di capacità totale (la sua capacità utile è quindi leggermente inferiore).

Batterie LFP per la R5 dalla fine del 2025?

Ma la Renault potrebbe finalmente adottare la tecnologia LFP. Quindi, secondo Gli echi, “il produttore francese si prepara ad annunciare uno o più importanti contratti per completare la propria offerta con batterie meno potenti ma meno costose”. Si tratterebbe di batterie LFP fornite dai produttori coreani, mentre le celle NMC delle R5 sono siglate Envision AESC. Il partner sino-giapponese di Renault produrrà le batterie NMC per la R5 in Francia, a Douai, a partire dal 2025.

Se queste informazioni saranno confermate, Renault potrebbe ricevere le sue prime batterie LFP alla fine del 2025 Gli echi. Resta da vedere se il produttore sceglierà di sostituire la batteria NMC della sua R5 entry-level, che ha un’autonomia di 300 km. Difficile immaginare che Renault lanci una versione con una batteria più piccola, che sarebbe penalizzata dall’autonomia. L’utilizzo delle batterie LFP potrebbe però abbassare il prezzo entry-level dell’R5, promesso attorno ai 25.000 euro al lancio quest’anno, con quindi celle NMC. Anche altri modelli elettrici della gamma potrebbero trarre vantaggio da questa tecnologia delle batterie.

Pubblicità, i tuoi contenuti continuano di seguito

-

PREV Il ministro St-Onge ha un piano reale?
NEXT Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite (ONU) nutre un forte interesse per gli hacker nordcoreani del Lazarus Group