Verso uno sciopero al SOPFEU

Verso uno sciopero al SOPFEU
Verso uno sciopero al SOPFEU
-

Con l’avvicinarsi della stagione degli incendi, i membri di Unifor hanno votato a stragrande maggioranza per un mandato di sciopero “tempestivo” presso la Société de Protection des Forests contre le Feu (SOPFEU).

Il sindacato si è dimesso con una maggioranza schiacciante del 99% per questa decisione che definisce “difficile ma necessaria”, mentre i colloqui sembrano essere in un vicolo cieco dopo la fine dei contratti collettivi scaduti il ​​1°ehm Gennaio 2023.

Nonostante le trattative locali siano state chiuse, oltre a più di una dozzina di giorni di trattative salariali, molte domande sono rimaste senza risposta, spingendo il sindacato a richiedere la nomina di un conciliatore.

Pertanto, gli aumenti salariali, le ferie, la mobilità del lavoro e soprattutto la durata dell’accordo non hanno trovato un accordo tra le due parti, ha deplorato il sindacato affiliato al FTQ.

Il direttore dell’Unifor Quebec, Daniel Cloutier, indica che la priorità del sindacato è “garantire condizioni di lavoro giuste e sicure per i nostri iscritti”, mentre “la terribile stagione 2023 […] è probabile che accada di nuovo quest’anno.

“SOPFEU sembra non prendere sul serio la conservazione e l’attrazione della forza lavoro né riconoscere il pericolo intrinseco di questa professione per la sicurezza e la salute di coloro che la esercitano”, ha dichiarato il signor Cloutier tramite un comunicato venerdì.

“Esortiamo il governo del Quebec e la direzione del SOPFEU a riconsiderare seriamente le loro posizioni e ad impegnarsi in discussioni costruttive per raggiungere un accordo reciprocamente vantaggioso”, ha aggiunto.

-

PREV Le 5 notizie economiche da ricordare questo venerdì mattina (Alstom/Siemens, Apple, TotalEnergies, eolico offshore, Portogallo)
NEXT Posizioni dirigenziali evitate dai lavoratori