A giugno gli abitanti di Casablanca pagheranno 7 DH per un biglietto del tram?

A giugno gli abitanti di Casablanca pagheranno 7 DH per un biglietto del tram?
A giugno gli abitanti di Casablanca pagheranno 7 DH per un biglietto del tram?
-

L’atteso lancio delle nuove linee tramviarie (T3 e T4), previsto per il prossimo giugno, suscita preoccupazione tra i cittadini. L’entrata in servizio di queste linee, accompagnata dall’aumento del prezzo dei biglietti per compensare il deficit di bilancio, è al centro delle discussioni tra gli abitanti di Casablanca, ma secondo le autorità questo aumento non supererà 1 dh.

L’aumento dei prezzi dei biglietti per rimediare al deficit di bilancio è la soluzione che il comune di Casablanca ha deciso di attuare a partire dal lancio delle due nuove linee (T3 e T4) il prossimo giugno.

Con un deficit annuo superiore a 100 milioni di dirham, la prima e la seconda linea del tram richiedono un’attenzione particolare per garantire la loro sostenibilità finanziaria a lungo termine.

Per raggiungere questo obiettivo il comune versa un contributo che varia tra il 30% e il 40% del prezzo del biglietto attualmente fissato a 6 dirham. Inoltre, viene concesso un sussidio annuo di 200 milioni di dirham ai trasporti pubblici per non incidere sul potere d’acquisto dei cittadini.

Durante un recente convegno, Nabila Rmili, sindaco della metropoli, ha rivelato che “ verranno apportati adeguamenti al prezzo dei biglietti del tram per contrastare il deficit di bilancio causato dalle nuove linee di tram e autobus “. Ha sottolineato, in questo senso, che “ il comune non può sostenere da solo i costi di esercizio delle sei linee, soprattutto perché la prima e la seconda sezione registrano un deficit annuo superiore a 100 milioni di dirham“.

Per rimediare, il consiglio comunale prevede di aumentare il prezzo dei biglietti del tram, visto il caro contributo del Comune al trasporto pubblico, un onere insostenibile visto il debito accumulato. Questo aumento è visto come l’unica soluzione per risolvere il deficit, nonostante gli sforzi del Ministero dell’Interno per evitare di aumentare il peso sui cittadini, già sofferenti a causa dell’inflazione.

Attualmente fissato a 6 dirham, il prezzo del biglietto beneficia di un contributo comunale dal 30 al 40%. Tuttavia, alcuni attivisti rifiutano questo aumento, sostenendo che danneggerebbe gli interessi dei cittadini.

È opportuno sottolineare che Rmili aveva precedentemente osservato che il costo effettivo del biglietto del tram è di 10 dirham, mentre attualmente i passeggeri pagano solo 6 dirham, con la differenza a carico del comune, pratica simile per le linee degli autobus.

-

PREV Gildan | Gli azionisti eleggono Chamandy e nuovi candidati al Consiglio di amministrazione
NEXT Il Brasile si distingue per l’importazione di automobili cinesi