Sequestro storico di GHB: i tre trafficanti vogliono ritirare le loro dichiarazioni di colpevolezza

-

Tre trafficanti di GHB presumibilmente legati agli Hells Angels e colti sul fatto durante uno storico sequestro due anni fa stanno ora cercando di ritirare la loro dichiarazione di colpevolezza accusando l’accusa di aver loro nascosto dei documenti, cosa che è fortemente smentita dai pubblici ministeri.

“C’è una totale assenza di prove del danno”, ha affermato il procuratore della Corona M.e Alexis Marcotte Bélanger sui tre trafficanti, durante l’udienza sulla richiesta di ritiro della dichiarazione di colpevolezza, al tribunale di Saint-Jérôme.

Lo scorso novembre, Sébastien Turcotte, 44 anni, Éric Matte, 43 anni, e Jean-Philippe Robitaille, 46 anni, si sono tutti dichiarati colpevoli di una serie di accuse mosse contro di loro.

Hanno ricevuto, su proposta comune, 7, 6 e 5 anni di reclusione.

Sébastien Turcotte, colpevole.

Foto tratta dalla pagina Facebook di Sébastien Turcotte

Nella grande Montreal

Meno di un anno prima, i tre uomini erano stati arrestati in relazione a uno storico sequestro di GHB, soprannominato la droga dello stupro, nella grande Montreal.

Secondo le nostre fonti i trafficanti avevano legami con gli Hells Angels.

Nel loro accordo con la procura, sono riusciti a negoziare un rilascio temporaneo durante le vacanze, prima di tornare a scontare la pena penitenziaria.

Tuttavia, a gennaio, hanno cambiato atteggiamento assumendo nuovi avvocati e affermando di voler rimangiarsi la parola data per sottoporsi a un processo.

Questa decisione è arrivata dopo che i tre hanno messo le mani su un rapporto di analisi completo della Health Canada riguardante la sostanza in questione, che non avevano letto quando hanno ammesso la loro colpevolezza.

Cattiva fede

“Il caso si basa sulla natura di questa sostanza. Se non si tratta di una sostanza controllata, non esiste cospirazione o organizzazione criminale”, ha affermato il sig.e Samuel Cozak, in difesa di Turcotte, sostenendo che si trattava di GHBNA e non di GHB.

Me Lo stesso Cozak è stato accusato di produrre droghe sintetiche insieme al fratello e al padre nel 2015. Tuttavia, ha beneficiato di una sospensione del procedimento.


Jean-Philippe Robitaille, colpevole.

Foto tratta dalla pagina Facebook di Mélanie Turcotte

L’avvocato difensore ha anche sottolineato più di una volta le somiglianze tra il suo caso e questo. Inoltre non ha usato mezzi termini nell’accusare l’accusa di non aver adempiuto al suo obbligo di rivelare le prove, sia per “malafede” che per “negligenza”.

“Dichiarandosi colpevoli gli imputati hanno rinunciato a contestare la natura del merito. Hanno ammesso gli elementi essenziali del reato, in particolare il fatto che la sostanza vietata era il GHB”, ha risposto il sig.e Marcotte Bélanger, precisando che l’appello era stato formulato in maniera “considerata”.


All'inizio del 15 febbraio 2023, la polizia ha arrestato i sospettati, tra cui Éric Matte, in una residenza in rue du Florilège, a Terrebonne. Tuttavia, Sébastien Turcotte non era a casa, a poche case di distanza.

Eric Matte, colpevole.

Foto Agenzia QMI, Maxime Deland

Sul fatto

Inoltre, l’accusa ha sottolineato che le condanne avrebbero potuto essere molto più severe se l’imputato avesse scelto di sottoporsi a processo.

“Verranno colti sul fatto mentre effettuano una transazione. Troviamo il laboratorio nel garage, fornelli, ecc.” elenca il pubblico ministero della Corona, al fine di dimostrare l’entità delle prove che pesavano contro i tre uomini.

“Vi diciamo che non era GHB… è un po’ forte comunque,” disse esasperato.

Il tribunale si pronuncerà il 29 maggio.

Hai qualche informazione da condividere con noi su questa storia?

Scrivici a o chiamaci direttamente al 1 800-63SCOOP.

-

PREV Orange Guinea lancia una crociata contro l’esclusione bancaria con Orange MicroFinances
NEXT Zhejiang Hailiang si invita nell’ecosistema marocchino