Continua il calo del Lion Électrique: perdite per 22 milioni di dollari nel primo trimestre

Continua il calo del Lion Électrique: perdite per 22 milioni di dollari nel primo trimestre
Descriptive text here
-

I trimestri si susseguono e sono simili per il produttore del Quebec di autobus e camion elettrici Lion Électrique, che ha annunciato ancora una volta perdite finanziarie per 21,7 milioni di dollari nel primo trimestre del 2024, ovvero 6 milioni di dollari in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

In termini di entrate, non va molto meglio con un leggero aumento di 800.000 dollari rispetto al 2023 per attestarsi a 55,5 milioni di dollari.

Per quanto riguarda i veicoli, la Lion, che conta oggi 1.150 dipendenti, ha consegnato meno veicoli rispetto allo scorso anno. L’azienda, il cui stabilimento si trova a St-Jérôme, ha consegnato 196 camion e autobus, 24 in meno rispetto al primo trimestre del 2023.

Prima dell’apertura dei mercati, le azioni della Lion erano a 1,43 dollari. Nell’ultimo anno ha perso più del 55% del suo valore (-$1,80).

Più di 300 tagli in un anno

L’accumulo di scarsi risultati finanziari ha avuto un impatto sulla sua forza lavoro nell’ultimo anno. Sono stati colpiti più di 300 posti di lavoro.

Lo scorso novembre sono stati licenziati 150 dipendenti soprattutto nel settore dell’ingegneria e dell’innovazione. A febbraio, l’amministratore delegato Marc Bédard ha tagliato i turni serali con 100 licenziamenti temporanei. Molti di questi dipendenti hanno trovato lavoro in altre aziende da quel triste giorno. Infine, il mese scorso, Lion ha licenziato altri 120 dipendenti che lavorano nelle funzioni aziendali e di sviluppo prodotto, oltre a ridurre i costi di 40 milioni di dollari.

Pochi giorni dopo, i dipendenti Lion hanno presentato una richiesta di certificazione sindacale tramite il Sindacato dei Macchinisti (IAMAW).

-

PREV Banque de France: alberghi di lusso, voli in business class… il governatore presenta note spese astronomiche per 50.700 euro
NEXT Bolloré lancia a Mulhouse la sua “gigafactory” di batterie superautonome