Stati Uniti: presentata denuncia contro il ban di TikTok

Stati Uniti: presentata denuncia contro il ban di TikTok
Stati Uniti: presentata denuncia contro il ban di TikTok
-

La piattaforma presenta un reclamo contro gli Stati Uniti

Pubblicato oggi alle 19:12

TikTok e la sua società madre cinese ByteDance hanno presentato martedì una denuncia contro gli Stati Uniti, affermando che la legge che pone un ultimatum alla popolare piattaforma video e rischia di bandirla dal paese l’anno prossimo, è “incostituzionale”, d’altronde atto giudiziario.

Washington ha adottato a fine aprile un testo che obbliga ByteDance a vendere TikTok entro dodici mesi, altrimenti l’applicazione utilizzata da 170 milioni di americani verrebbe vietata.

Il social network e molte personalità e ONG ritengono che questa legge violi la libertà di espressione dei suoi utenti, garantita dal Primo Emendamento della Costituzione americana.

Vietare una “piattaforma di espressione”

“Per la prima volta nella storia, il Congresso ha approvato una legge che vieta permanentemente una piattaforma vocale a livello nazionale e vieta a ogni americano di partecipare a una comunità online “con più di un miliardo di persone nel mondo”, affermano gli avvocati dell’azienda denuncia depositata presso il tribunale federale di Washington.

Dopo il voto dei funzionari eletti e la promulgazione da parte della Casa Bianca, TikTok ha avvertito che utilizzerà tutte le vie legali possibili contro la legge denominata “Protecting Americans From Foreign Adversary Controlled Applications Act” (“proteggere gli americani dalle applicazioni controllate da avversari stranieri”) .

I promotori di questo testo lamentano il sospetto di manipolazione e spionaggio degli utenti americani da parte delle autorità cinesi tramite TikTok.

Coinvolta la Corte Suprema?

Per legge la piattaforma ha 270 giorni di tempo per trovare nuovi investitori non cinesi, altrimenti sarà bandita negli Stati Uniti. La Casa Bianca può concedere ulteriori 90 giorni.

La battaglia legale potrebbe arrivare fino alla Corte Suprema.

Nel 2020, TikTok ha bloccato con successo un ordine esecutivo simile dell’ex presidente Donald Trump. Ha poi presentato ricorso e un giudice ha sospeso temporaneamente il decreto, ritenendo che le ragioni addotte per il divieto fossero esagerate e la libertà di espressione minacciata.

La nuova legge mira ad aggirare le difficoltà incontrate in precedenza. Gli esperti ritengono che la Corte Suprema potrebbe essere sensibile alle argomentazioni sulla sicurezza nazionale avanzate dai funzionari eletti, senza certezza.

Notiziario

“Ultime notizie”

Vuoi restare aggiornato sulle novità? La “Tribune de Genève” vi propone due incontri al giorno, direttamente nella vostra casella di posta elettronica. Per non perderti nulla di ciò che accade nel tuo cantone, in Svizzera o nel mondo.Per accedere

AFP

Hai trovato un errore? Segnalacelo.

0 commenti

-

PREV È iniziato il conto alla rovescia per il “WORLDEF Istanbul 2024”
NEXT TikTok vuole supervisionare le campagne mediatiche statali