Trasferimento MRE 27,44 miliardi di MAD in 3 mesi

Trasferimento MRE 27,44 miliardi di MAD in 3 mesi
Trasferimento MRE 27,44 miliardi di MAD in 3 mesi
-

I trasferimenti di fondi da parte dei marocchini residenti all’estero (MRE) hanno raggiunto i 27,44 miliardi di dirham (miliardi di dirham) alla fine di marzo 2024, rispetto ai 27,55 miliardi di dirham dell’anno precedente, secondo gli ultimi indicatori mensili del commercio estero dell’Ufficio di cambio.

L’Ufficio dei cambi ha appena reso pubblici gli indicatori più recenti del commercio estero per il mese di marzo 2024, offrendo una panoramica degli sviluppi significativi in ​​vari settori. Questi dati rivelano cambiamenti notevoli, positivi o in calo, in particolare per quanto riguarda i trasferimenti di fondi dai MRE, le esportazioni nel settore aeronautico e automobilistico, il deficit commerciale o anche il flusso netto di investimenti diretti esteri (IDE).

MRE, saldo dei servizi e entrate di viaggio

I MRE hanno effettuato trasferimenti di fondi per un totale di 27,44 miliardi di dirham alla fine di marzo 2024, in leggero calo rispetto ai 27,55 miliardi di dirham dell’anno precedente. Questi trasferimenti sono in leggero calo dello 0,4% (-106 milioni di dirham) rispetto allo stesso periodo del 2023.

Allo stesso tempo, il surplus della bilancia dei servizi è diminuito dell’11,6% attestandosi a 29 miliardi di dirham contro 33 miliardi di dirham a fine marzo 2023, a causa di un aumento maggiore delle importazioni di servizi (+17,6%) rispetto alle esportazioni ( +2,2%).

Per quanto riguarda le ricette di viaggio, queste lo sono alla fine di marzo 2024 ammontava a 23,72 miliardi di dirham, rispetto ai 24,99 miliardi di dirham dell’anno precedente. Le spese di viaggio sono aumentate a 7,73 miliardi di dirham (+38,6%), lasciando un surplus di 15,99 miliardi di dirham alla fine dello scorso marzo.

Aeronautica e automobile: esportazioni in crescita

Le esportazioni del settore aeronautico hanno superato i 5,8 miliardi di dirham nei primi tre mesi del 2024, in aumento del 13,7% rispetto allo stesso periodo del 2023. Questa progressione è supportata da un aumento delle vendite nei segmenti aeronautici dell’assemblaggio (+20,3% a 3,82 dirham). miliardi) ed EWIS (Electrical Wiring Interconnection System) (+2,7% a 1,95 miliardi di dirham).

Inoltre, il Le esportazioni automobilistiche sono aumentate del 13,1% a 38,34 miliardi di dirham, con vendite in aumento nei segmenti “Costruzioni” (+20,5%), “Interni di veicoli e sedili” (+19,3%) e “Cablaggio” (+6,4%). Anche il settore “Elettronica ed elettricità” ha registrato un aumento del 5% a 6 miliardi di dirham, grazie all’incremento delle vendite di dispositivi per tagliare o collegare circuiti elettrici (+40,2%) e di fili e cavi (19,4%).

D’altro canto, le esportazioni di “altre miniere”, “tessile e cuoio”, “agricoltura e agroalimentare” e “fosfati e derivati” sono diminuite rispettivamente del 22% a 1,14 miliardi di dirham, 3,7% a 11,69 miliardi di dirham, 3% a 25,62 miliardi di dirham e dal 2,3% a 17,63 miliardi di dirham.

Marocco: riduzione del deficit commerciale

Il deficit commerciale del Marocco è diminuito del 14,6% raggiungendo 61,9 miliardi di dirham nei primi tre mesi del 2024. Questa riduzione del deficit è dovuta ad un calo delle importazioni di beni del 4% a 175,47 miliardi di dirham e ad un aumento delle esportazioni del 3% a 113,56 miliardi di dirham. Il tasso di copertura guadagna così 4,4 punti attestandosi al 64,7%.

La riduzione delle importazioni si spiega anche con diversi fattori, in particolare il calo dei prodotti lordi del 22,3% a 7,19 miliardi di dirham, dei prodotti energetici del 13,6% a 28 miliardi di dirham e dei prodotti alimentari del 7,7% a 21,88 miliardi di dirham. Questa diminuzione è controbilanciata da un aumento dei prodotti finiti per attrezzature del 2,2% a 41,24 miliardi di dirham, e dei prodotti finiti di consumo dello 0,8% a 39,35 miliardi di dirham.

Gli IDE, un flusso alle stelle

Il flusso netto di IDE ha raggiunto quasi 5,8 miliardi di dirham alla fine di marzo 2024, registrando un aumento significativo del 56,2% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Questo aumento è dovuto principalmente all’aumento dei ricavi derivanti da questi investimenti, che sono aumentati del 23,9% raggiungendo più di 9,7 miliardi di dirham, mentre le spese sono diminuite del 5,1% a 3,9 miliardi di dirham.

Per quanto riguarda il flusso netto degli investimenti diretti marocchini all’estero (IDME), si è attestato a -114 MDH rispetto a +1.682 MDH alla fine di marzo 2023. Le entrate legate a questi investimenti sono aumentate del 33,4% per raggiungere 4,58 miliardi di dirham, mentre le spese sono diminuite del 12,7% a 4,46 miliardi di dirham.

-

PREV Roche rabbrividisce all’avvicinarsi di un primo serio concorrente all’Hemlibra
NEXT “Un buon manager non è né autoritario né lassista”