Impatti ambientali: Lululemon sotto inchiesta per pratiche di marketing ingannevoli

Impatti ambientali: Lululemon sotto inchiesta per pratiche di marketing ingannevoli
Impatti ambientali: Lululemon sotto inchiesta per pratiche di marketing ingannevoli
-

La popolare azienda Lululemon, nota per i suoi abbigliamento e accessori per lo yoga, sarebbe oggetto di un’indagine da parte del Competition Bureau of Canada a seguito di una denuncia di un’organizzazione pro-ambiente riguardante “dichiarazioni ambientali” dell’azienda.

Secondo l’organizzazione Stand.earth, Lululemon avrebbe fatto pubblicità ingannevole nella sua campagna “Be Planet” sostenendo che “[ses] prodotti e [ses] le azioni prevengono i danni ambientali e aiutano a ripristinare un pianeta sano.

“Quello che abbiamo veramente imparato negli ultimi due anni è che questo tipo di immagine non è altro che una facciata”, ha detto Rachel Kitchin, membro di Stand.earth, in un’intervista a GlobalNews.

In una risposta inviata all’organizzazione, l’agenzia federale ha confermato di aver aperto un’indagine dopo aver ricevuto la denuncia. “Vorrei sottolineare che l’indagine mira ad accertare i fatti relativi alle accuse che [Lululemon] ha violato la Legge rendendo dichiarazioni false, fuorvianti e/o infondate”, si legge nella predetta lettera.

Per il momento non c’è nulla che confermi che l’azienda di abbigliamento sportivo abbia commesso un “atto riprovevole”, ha sottolineato Marianne Blondin, portavoce del Competition Bureau, in una dichiarazione rilasciata all’agenzia QMI.

È stata aperta un’indagine “ai sensi della legge sulla concorrenza sulle accuse di pratiche di marketing ingannevoli, dopo aver ricevuto una richiesta di avviare un’indagine della sezione 9 per conto di sei residenti canadesi”, ha chiarito

-

PREV La regione Tangeri-Tétouan-Al Hoceima genererà 453.614 posti di lavoro nel 2022
NEXT La schiacciante sconfitta della UAW in Alabama non cancellerà lo sforzo organizzativo nazionale