calo generale dei prezzi mondiali nel primo trimestre del 2024

calo generale dei prezzi mondiali nel primo trimestre del 2024
calo generale dei prezzi mondiali nel primo trimestre del 2024
-

(Agence Ecofin) – Nel 2022, i prezzi globali dei fertilizzanti hanno registrato una forte impennata a causa di numerose interruzioni dell’offerta e restrizioni commerciali. Dopo questo episodio, il mercato globale dei fertilizzanti ha beneficiato di una relativa calma.

Nel primo trimestre del 2024, i prezzi globali dei fertilizzanti sono diminuiti del 30%. Questo è quanto emerge dall’ultima edizione di aprile del rapporto Commodity Markets Outlook della Banca Mondiale.

Nel dettaglio, il prezzo del fertilizzante fosfatico più utilizzato (fosfato diammonico-DAP) ha raggiunto una media di 599,2 dollari a tonnellata nell’ultimo trimestre, in calo del 2,8% rispetto al trimestre precedente dello scorso anno (616,5 dollari).

Il cloruro di potassio (MOP) ha registrato un calo di quasi il 40% nella sua tariffa a 295,4 dollari per tonnellata, mentre le stesse quantità di triplo superfosfato (TSP) e urea sono diminuite rispettivamente di circa il 18% e 9% a 451,3 dollari e 338,9 dollari.

Secondo la Banca mondiale questa tendenza dei prezzi si spiega soprattutto con la riduzione dei prezzi del gas naturale europeo e del carbone in Cina, che nel periodo in esame hanno raggiunto la metà dei prezzi registrati un anno prima. Questa situazione ha contribuito notevolmente ad aumentare la produzione di ammoniaca, un ingrediente fondamentale nella fabbricazione dei fertilizzanti azotati.

A questa situazione si aggiunge la resilienza delle esportazioni di MOP da parte di Bielorussia e Russia (quasi il 50% della produzione mondiale) nonostante le sanzioni occidentali. Secondo l’istituto finanziario, la Bielorussia ha aumentato le spedizioni verso la Cina e ha reindirizzato verso l’Europa i carichi solitamente destinati al Canada.

Per la Banca Mondiale il calo dei prezzi dei fertilizzanti dovrebbe continuare fino alla fine dell’anno. Urea, rocce fosfatiche e TSP dovrebbero quindi chiudere il 2024 con livelli inferiori rispetto al 2023 ad eccezione del DAP anche se il prezzo di quest’ultimo prodotto resterà basso rispetto alla quantità record registrata nel 2022.

Leggi anche:

05/04/2024 – Il governo senegalese aumenta il sussidio per i fattori di produzione agricoli a 197 milioni di dollari nel 2024/2025

30/04/2024 – La Tunisia fornirà 150.000 tonnellate di fertilizzanti fosfatici al Bangladesh nel 2024

-

PREV Il colosso Aramco si affida al computer quantistico del campione francese Pasqal
NEXT La BCE invita alla cautela sui tagli dei tassi oltre giugno