Bouygues Telecom sta rivedendo la sua offerta di telefonia mobile tra variazioni di prezzo ed eliminazione di offerte

Bouygues Telecom sta rivedendo la sua offerta di telefonia mobile tra variazioni di prezzo ed eliminazione di offerte
Bouygues Telecom sta rivedendo la sua offerta di telefonia mobile tra variazioni di prezzo ed eliminazione di offerte
-

Bouygues Telecom ritorna alle tariffe fisse su alcuni pacchetti, una scelta più o meno vantaggiosa a seconda dei casi.

Dopo le offerte Bbox, Bouygues Telecom rivede la sua politica tariffaria su alcuni piani di telefonia mobile: si tratta della sua gamma più cara e non delle offerte B&You;

La prima lezione, l’offerta da 100 GB e il pacchetto “Scalabile” che consente un volume dati da 1 a 20 GB, sono stati eliminati dall’operatore.

Anche Bouygues Telecom ha scelto di passare al prezzo fisso su alcuni pacchetti 5G, è il caso dell’offerta da 150 GB che sale a 34,99 € al mese (prezzo fisso) rispetto ai 25,99 €/mese per 6 mesi quindi ai 38,99 € al mese precedenti . Questo cambiamento comporta anche un aumento di prezzo (30€) il primo anno ma un risparmio di 48€ dal secondo. Anche il piano da 300 GB adotta un prezzo fisso e ora costa 57,99 euro al mese invece di 44,99 euro/mese per 6 mesi poi 57,99 euro al mese. Ciò rappresenta comunque un aumento di 78 euro nel primo anno.

Da parte sua, il pacchetto da 200 GB vede cambiare il suo prezzo, da 31,99 € al mese per 6 mesi si passa a 34,99 € al mese per 12 mesi, il prezzo dopo la promozione non cambia, ovvero 44,99 €. Questo ti permette di guadagnare 42 euro nei primi 12 mesi.

Da parte sua, il piano da 2 ore ora include 1 GB di dati rispetto ai 100 MB precedenti. Il suo prezzo cambia poiché ora dovrai pagare 5,99 € al mese su base fissa rispetto a 2 € per 6 mesi e poi 7,99 € al mese fino ad ora. Se il prezzo complessivo aumenta nel primo anno, nel secondo si realizzeranno risparmi.

Fonte: Allopackage

Questo articolo è stato ristampato sul sito web Univers FreeBox

-

PREV Il conducente di questa BMW bombarda su una strada bagnata, finisce nel paesaggio
NEXT il capo della Federazione difende la “costruzione redditizia” in un contesto preoccupante