Secondo uno studio, la Francia è per il quinto anno consecutivo il Paese più attraente in Europa per gli investitori stranieri

-

Secondo il barometro EY 2024, la Francia è al primo posto in 11 settori su 15, in particolare nel settore automobilistico, delle attrezzature industriali, della logistica, dei prodotti farmaceutici e dell’elettronica.

type="image/avif">>

>
>

Pubblicato il 01/05/2024 21:50

Tempo di lettura: 2 minuti

type="image/avif">>Il quartiere La Défense nella regione parigina. (IMAGEBROKER / IMAGEBROKER / UWE KAZMAIER /NEWSCOM / MAXPPP)>>
Il quartiere La Défense nella regione parigina. (IMAGEBROKER / IMAGEBROKER / UWE KAZMAIER /NEWSCOM / MAXPPP)

Per il quinto anno consecutivo, la Francia è il primo paese più attraente in Europa per gli investitori stranieri, davanti a Regno Unito e Germania, secondo il barometro dell’attrattiva francese EY 2024. Nel 2023, in Francia sono stati registrati 1.194 progetti di investimento di imprese straniere, ovvero il 5% in meno rispetto all’anno precedente. D’altro canto, grazie a queste imprese straniere sono stati creati 40.000 posti di lavoro, ovvero il 4% in più rispetto al 2022.

Sono le competenze, le infrastrutture e il mercato francese a spingere il Paese al primo posto della classifica. La Francia è al primo posto in 11 settori su 15, in particolare nel settore automobilistico, delle attrezzature industriali, della logistica, dei prodotti farmaceutici e dell’elettronica.

Questa influenza tricolore potrebbe durare fino al 2027, poiché lo ritiene il 76% degli investitori intervistati “La Francia migliorerà nei prossimi tre anni”. La qualità e la disponibilità della manodopera è il primo argomento addotto (per il 25% degli investitori). “il contesto giuridico e normativo”rivela il barometro.

In Francia, secondo l’INSEE, l’1% delle imprese sono straniere (ovvero 17.500 aziende), impiegano 2,2 milioni di persone e contribuiscono al 16% del PIL.


Metodologia: Barometro EY sulla percezione e le aspettative dei decisori internazionali in termini di attrattiva della Francia, raccolte da 204 decisori internazionali di 23 paesi, dal 13 febbraio al 19 marzo 2024. La struttura del campione è rappresentativa degli investimenti internazionali , che si tratti della loro origine geografica (in gran parte dell’Unione europea), della loro origine settoriale o delle dimensioni delle aziende.

-

PREV Toyota prevede ingenti investimenti dopo un anno record
NEXT Ecco cosa farebbe il 47% dei francesi se avessero più soldi!